pescopennataro1Grazie all’arrivo dello spartineve dell’Anas, a Pescopennataro si è usciti dall’emergenza: tutte le strade nel paese sono state liberate, mentre i mezzi del Comune si sono messi all’opera per raggiungere l’ultima contrada rimasta isolata. La situazione resta però molto difficile, anche perché, nonostante la bufera abbia concesso una tregua, in Molise Altissimo continua a nevicare. Lo mostrano chiaramente queste immagini amatoriali registrate oggi, lo ha confermato il sindaco Pompilio Sciulli, al lavoro senza sosta per ridurre al minimo i disagi dei suoi concittadini: “Nei punti più bassi la neve è alta due metri, ma in molte zone gli accumuli superano i tre metri – ha detto il primo cittadino -. Grazie alla turbina dell’Anas da questa mattina possiamo dire che siamo usciti dall’emergenza. Abbiamo dato assistenza a tutti gli anziani, abbiamo portato loro provviste e medicinali, arrivati in paesi grazie all’impegno dei Vigili del fuoco. Siamo riusciti a garantire la presenza di un medico e di un farmacista. Ma ancora una volta è stato determinante lo spirito di solidarietà della gente di Pescopennataro. Tutti – ha concluso Sciulli – hanno dato una mano per far fronte a una situazione davvero critica”. Sempre in mattinata è stata affrontata e superata un’altra emergenza: per portare all’ospedale di Agnone un anziano colto da malore, uno spartineve della Provincia ha fatto strada all’ambulanza. Intanto nel resto dell’Alto Molise la situazione si avvia lentamente alla normalità. I Vigili del fuoco hanno effettuato decine di interventi, per rimuovere la neve dai tetti o per trainare le auto in difficoltà sulle strade secondarie.

Potrebbe interessanti anche:

Sanità, sulle partite iva scede in campo la Fials: “Intervenga il Parlamento”, chiede il sindacato

Il tema delle assunzioni rappresenta la questione centrale del sistema sanitario regionale…