Home Attualità Isernia. Comitato scuole sicure contro Coia: atteggiamento grave, si rifiuta di incontrarci
Attualità - Evidenza - Isernia - Provincia di Isernia - QD - 18 Gennaio 2017

Isernia. Comitato scuole sicure contro Coia: atteggiamento grave, si rifiuta di incontrarci

corteo-scuolaMesse in archivio le elezioni del consiglio provinciale, il Comitato Scuole Sicure per Isernia è tornato alla carica per avere un confronto con il presidente dell’Ente di via Berta. Ma a quanto pare Coia non vuole saperne. In pratica anche stavolta ha risposto picche. Ma il comitato non molla e chiede ai neo consiglieri convincano il presidente a dare chiarimenti richiesti, quantomai doverosi, visto che di mezzo c’è la sicurezza degli studenti. E visto che la terra continua a tremare nel centro Italia, ricordando a tutti che la questione scuole sicure non può essere presa con leggerezza: “Dopo la conclusione della tornata elettorale per l’elezione del nuovo Consiglio provinciale – si legge in una nota diffusa dal Comitato scuole sicure per Isernia – siamo costretti a richiamare di nuovo l’attenzione su un fatto tanto grave quanto incomprensibile: il rifiuto di un incontro da parte del Presidente della Provincia. In data 13 dicembre 2016 abbiamo infatti formalmente chiesto al Presidente Coia detto incontro per avere chiarimenti in merito alla documentazione tecnica riguardante alcuni edifici scolastici trasmessaci con la nota n° 24198 del 28/11/2016. Tale documentazione destava le “serissime preoccupazioni” che abbiamo già espresso al Presidente Coia, al Responsabile del Servizio Edilizia scolastica Ing. De Benedictis e ad altri responsabili della Provincia con le puntuali argomentazioni contenute nella stessa richiesta. Non solo, ma tali preoccupazioni sono state fatte presenti anche al sig. Prefetto che ci ha prontamente ricevuti e che allo scopo ha convocato un “tavolo tecnico”. Nessuna risposta ci è stata finora data da parte del Presidente Coia, se non farci sapere in via informale che ormai è tutto in mano al Prefetto e dobbiamo parlare solo con lui. Sull’importante tema della “sicurezza delle scuole” vogliamo e dobbiamo invece mantenere il dialogo aperto sia con la Provincia che con il Comune di Isernia, Istituzioni queste delegate a garantire la sicurezza nelle scuole. Siamo perciò costretti oggi a sollecitare una risposta alla nostra richiesta del 13 dicembre scorso, vale a dire una data per l’incontro oppure un diniego motivato. Confidiamo che i nuovi consiglieri provinciali Roberto AMICONE, Salvatore AZZOLINI, Pasquale BARILE, Cristofaro CARRINO, Nicolino COLICCHIO, Giovanni FANTOZZI, Mike MATTICOLI, Daniele SAIA, Giovanni TESONE e Fabrizio TOMBOLINI si facciano parte attiva affinché il Presidente COIA conceda l’incontro richiesto e finalmente ci sia il necessario e DOVEROSO chiarimento riguardo alle gravi questioni che investono la sicurezza di alcuni edifici scolastici quali emergono dalla documentazione trasmessaci. Agli stessi neo Consiglieri, per opportuna conoscenza, viene pure trasmessa la cita nostra richiesta del 13 dicembre”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Striscioni e manifesto a lutto a San Giovanni in Galdo per protestare contro il progetto di un forno crematorio

Il tema in regione è molto sentito. Il Molise, mentre è sempre più elevato il numero delle…