Home Attualità Isernia. Lezioni al freddo al Cuoco-Manuppella, la Provincia ci mette una pezza
Attualità - Evidenza - Isernia - Provincia di Isernia - QD - 17 Gennaio 2017

Isernia. Lezioni al freddo al Cuoco-Manuppella, la Provincia ci mette una pezza

fermi isernia

Già da prima di Natale, con grande senso di responsabilità, i ragazzi avevano scelto di continuare ad andare a scuola, di fare lezione battendo i denti, o coprendosi con plaid e coperte. Ma da oggi quasi tutti gli studenti dell’istituto Cuoco-Manuppella di Isernia hanno detto basta e sono rimasti a casa. Tra la sede centrale e la succursale, questa mattina c’erano non più di una trentina di ragazzi su un totale di 650. Sembra uno scherzo, una barzelletta, invece è tutto vero. Nella sede dell’istituto d’arte è andata in tilt la caldaia principale, mentre nelle sei aule del triennio del linguistico – ospitate al terzo piano dell’istituto Fermi – i termosifoni sono spenti a causa della rottura di una tubazione. Eppure il problema del malfunzionamento dell’impianto di riscaldamento era vecchio e ben noto alla Provincia. Il dirigente scolastico, Mariella Di Sanza, aveva infatti segnalato il disservizio già prima delle vacanze di Natale, con lettere ufficiali e telefonate. Ma alla ripresa delle lezioni nulla è cambiato. Per questo si è rivolta al prefetto Fernando Guida, chiedendo il suo intervento. Sarà un caso, fatto sta che di lì a poco la Provincia ha deciso di muoversi, chiedendo al sindaco di Isernia di emanare un’ordinanza di chiusura temporanea dei due istituti, in modo da permettere ai tecnici di intervenire. Ma da Palazzo San Francesco è arrivato un secco no. Di qui la decisione dell’ente di via Berta di passare al piano B. I tecnici sono cioè intervenuti senza chiudere le scuole. In tarda mattinata, il presidente Lorenzo Coia ha diffuso questa nota. “In via di risoluzione i problemi di riscaldamento nelle scuole “Manuppella “ e “Fermi“ di Isernia. Per quanto riguarda l’istituto “Manuppella” il mancato funzionamento del riscaldamento è stato affrontato e risolto dai tecnici che hanno riparato i guasti che si erano verificati in centrale termica e alle tubazioni. Restano momentaneamente solo alcune criticità in tre aule dove la temperatura non raggiunge i livelli ottimali. Per cui si è pensato di aggiungere delle stufe per potenziare il riscaldamento. All’istituto “Fermi” sono state individuate le due perdite importanti che causavano il mancato funzionamento del riscaldamento soprattutto ai piani alti. In giornata sarà ripristinato il normale funzionamento del riscaldamento alle aule di tutto l’istituto”. In mattinata Coia si è sentito con il sindaco di Isernia Giacomo d’Apollonio “e in piena sintonia hanno ritenuto l’ordinanza di sospensione dell’attività didattica non più necessaria. Sempre in mattinata una delegazione degli studenti si è incontrata con i tecnici e il dirigente ing. De Benedictis della Provincia. Agli studenti è stata data la più ampia rassicurazione che i problemi sono in via di risoluzione e da venerdì saranno risolti gli ultimi problemi legati alla normale erogazione del calore nelle aule delle due scuole per le poche criticità rimaste”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Bojano – Una quindicina di alunni positivi, il sindaco Ruscetta chiude l’istituto comprensivo

Il dato nuovo, decisamente allarmante, arriva da Bojano, dove nelle ultime ore sono risult…