larinoSono tempi duri questi, lo sappiamo tutti, c’è chi riesce tra tante difficoltà a sbarcare il lunario e chi invece è allo stremo e chiede aiuto. L’aiuto lo chiedono soprattutto alla politica, ai sindaci, agli assessori, che spesso e volentieri non hanno risposte ma fanno finta di impegnarsi, o quanto meno, ascoltano l’interlocutore magari partecipando al doloro dello stato che attraversa. A Larino invece il Sindaco in persona deride chi gli chiede aiuto e sostegno, dopo che sulla sua bacheca posta le foto di Ernesto Che Guevara e Fidel Castro, un sindaco che ha aderito a Sinistra Italiana sin dalla prima ora, insomma, fa credere di essere un sindaco di lotta e di governo. Cosi succede che una signora, madre di tre figli, disoccupata e separata con l’ex marito che non versa nemmeno gli alimenti alla figlia minore, in un momento di sconforto si rivolge al sindaco per chiedergli “una mano”, e come spesso accade di questi periodi si tirano in ballo i migranti, gli extracomunitari, quello che per molti italiani rappresentano il male assoluto, il nemico da combattere e abbattere. Cosi all’esternazione della signora “si fa tanto per gli extracomunitari e per noi proprio niente?” il sindaco risponde candidamente alla signora in questione in questo modo: “fai una cosa, tingiti la faccia con un po’ di terra nera e vai sulla spiaggia cosi prima o poi ti prenderanno da extracomunitaria”. A questo punto la signora, ovviamente imbarazzata è andata via con l’amaro in bocca e con la consapevolezza che il sindaco di Larino, il primo cittadino, quello di lotta e di governo, l’ha presa allegramente per i fondelli. Ora la scusa che utilizzerà il sindaco sarà che stava scherzando, come se scherzare sulla condizione di disagio di un cittadino sia cosa buona e giusta, dal suo punto di vista, come la mancata attivazione di qualche borsa lavoro, cosi come hanno fatto decine di comuni sia una cosa buona e giusta, non avere rispetto per le condizioni di disagio sia una cosa di “sinistra”, io penso che sia sinistro invece. L’amministrazione frentana in questi anni, non ha attivato nessun sostegno, nessun progetto per le persone in difficoltà, anzi, continuano a deriderli a sfotterli, come fosse normale, come fosse normale dichiararsi “Marxista” e poi prendere le persone per i fondelli. Il sindaco di Larino, in questo caso, ha sbagliato e tanto, sarebbe cosa buona e giusta chiedere scusa alla signora e attivarsi affinchè si trovi una soluzione, qualunque sia.

Potrebbe interessanti anche:

Torna il maltempo su tutta la regione: neve anche in collina e danni causati dal vento forte

Torna il maltempo su tutto il Molise. Dalla notte scorsa disagi per le nevicate e per il f…