di PASQUALE DI BELLO

Assunzione precari della Sanità: aspettative deluse. Promulgato a fine anno il provvedimento dell’Asrem che da il via alle procedure concorsuali. Tra personale medico e paramedico sono complessivamente 455 i posti da coprire ma solo la metà sarà ad appannaggio del personale in servizio presso le strutture molisane. Il sindacato lancia l’allarme e giudica insoddisfacente il provvedimento.

Uno dei mantra ripetuti sino allo sfinimento da parte del presidente della Regione e Commissario ad acta per la Sanità, Paolo di Laura Frattura, è stato quello dello sblocco del turn-over e dell’assunzione nel 2017 del personale precario della Sanità molisana. Per tutto il 2016 il tormentone presidenziale ha riempito le orecchie dei molisani e le aspettative degli interessati. Aspettative andate alla fine ampiamente deluse. Col provvedimento 1045 del 29 dicembre 2016 il direttore generale dell’Asrem, Gennaro Sosto, ha indetto le procedure concorsuali per la stabilizzazione del personale precario collocato presso le strutture sanitarie. La vicenda riguarda 455 persone tra personale medico e paramedico ma soltanto la metà di esse verrà attinta da personale in forza nelle strutture molisane mentre la restante parte riguarderà lavoratori attivi in altre parti d’Italia e verrà coperta dalla mobilità interregionale. A restare fuori, quindi, molto personale locale che vede così vanificarsi una volta per tutte le possibilità di un inquadramento a tempo indeterminato. Lo scenario che si apre non piace dal sindacato che giudica il provvedimento insoddisfacente e da rivedere. Inoltre, dalle figure previste dall’Asrem ne mancano diverse di cui si è persa traccia. Rettificare i passi compiuti, questa la richiesta che arriva dalla signa sindacale Fials.

Sullo sfondo della vicenda, continua ad allungarsi l’ombra sinistra del Piano Operativo varato da Frattura e tutt’ora sottoposto ad una serie di prescrizioni che lo rendano effettivamente vigente. Tra queste il percorso di integrazione Cardarelli – Cattolica che doveva completarsi entro fine anno e che invece è ancora in alto mare.

Potrebbe interessanti anche:

Isernia, manifestazione pacifica No Green Pass: “Triste chiama Isernia risponde”

Si sta svolgendo presso la Villa Comunale di Isernia una manifestazione pacifica a sostegn…