bullismo2Il Molise è una realtà tranquilla, ma alcuni episodi, sommati alle potenziali trappole di internet, spingono istituzioni e forze dell’ordine a non abbassare la guardia sul fronte del bullismo. Non è il caso di creare allarmismi, certo, ma il fenomeno non deve essere sottovalutato. L’arma migliore per contenerlo è come sempre quella della prevenzione, anche attraverso una capillare campagna informativa nelle scuole, ha sottolineato Claudio Di Ruzza, procuratore capo del tribunale dei minori di Campobasso, durante un incontro con i ragazzi dell’istituto Majorana-Fascitelli di Isernia. Ai ragazzi che dovessero trovarsi in situazioni spiacevoli il procuratore capo del tribunale dei minori ha dato questo consiglio: di parlarne, di avere fiducia delle forze dell’ordine. Solo parlandone il problema può essere affrontato e risolto. L’incontro è stato introdotto da un filmato che ha illustrato il grande lavoro fatto dai ragazzi sui temi della legalità nell’ambito del progetto “Letture effervescenti”. L’ultima tappa, la trasferta a Milano per partecipare a un incontro con Gherardo Colombo, trasmesso in diretta satellitare. Gli studenti isernini sono stati coinvolti attivamente, grazie a un invito ricevuto dall’organizzazione.

Potrebbe interessanti anche:

Isernia, manifestazione pacifica No Green Pass: “Triste chiama Isernia risponde”

Si sta svolgendo presso la Villa Comunale di Isernia una manifestazione pacifica a sostegn…