Home Attualità Isernia. Vertenza cantonieri Provincia, fumata nera al tavolo di confronto convocato dal prefetto
Attualità - Evidenza - Isernia - Provincia di Isernia - QD - 23 Novembre 2016

Isernia. Vertenza cantonieri Provincia, fumata nera al tavolo di confronto convocato dal prefetto

prefettura iserniaSi è chiuso con l’ennesimo nulla di fatto il confronto voluto dal prefetto di Isernia Fernando Guida per trovare una possibile soluzione che consenta ai cantonieri e agli autisti della Provincia di ottenere la proroga dei loro contratti. Il presidente dell’ente di via Berta, Lorenzo Coia, è rimasto fermo sulle proprie posizioni: senza un parere positivo da parte della Corte dei Conti non procederà con i rinnovi, nonostante la controparte abbia dimostrato – carte alla mano – che in realtà la proroga è prevista da una recente normativa. Tra l’altro la spesa a carico della Provincia non sarebbe affatto eccessiva: si parla infatti di 25/30 mila euro. “A nostro avviso – ha commentato il portavoce dei cantonieri, Emilio Izzo – non è più una questione di soldi, visto che tra le pieghe di bilancio abbiamo individuato una serie di spese delle quali si può tranquillamente fare a meno, bensì una mancanza di volontà politica da parte di Coia”, ha detto ancora Izzo. Che tra l’altro ha annunciato l’intenzione del comitato Osvaldo Pallotta di andare avanti con forme di lotta ancora più incisive. Presente all’incontro anche la Regione. L’assessore Carlo Veneziale si è detto pronto a chiedere un parere alla sua struttura tecnica per capire se davvero ci siano le condizioni per procedere con le proroghe. In caso di parere positivo, la stessa Regione potrebbe in qualche modo supportare la Provincia di Isernia e chiudere una volta per tutta una vicenda ai limiti del surreale. Tra le ipotesi in campo, anche quella di una fideiussione per tutelare l’ente in caso di ricorsi. Izzo si è detto disponibile a firmarla sin da subito, convinto del fatto che il rinnovo del contratti sia un diritto sacrosanto dei cantonieri e degli autisti, a maggior ragione perché le strade provinciali hanno un disperato bisogno di manutenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Bojano – Una quindicina di alunni positivi, il sindaco Ruscetta chiude l’istituto comprensivo

Il dato nuovo, decisamente allarmante, arriva da Bojano, dove nelle ultime ore sono risult…