Home Attualità Ex Esattorie, spiragli per le riassunzioni a Isernia
Attualità - Evidenza - QD - 12 Novembre 2016

Ex Esattorie, spiragli per le riassunzioni a Isernia

lavoratori-esattorie-spa-800x533-450x300Verso una soluzione positiva la vertenza dei dipendenti delle ex Esattorie Spa. Infatti, dopo la revoca della delibera del Comune di Isernia, che aveva indetto un nuovo appalto per il servizio di riscossione, ma senza alcuna forma di protezione per gli ex lavoratori dell’azienda, si sta arrivando in questi giorni alla adesione al Consorzio temporaneo di imprese, Ica-Creset che, al contrario, aveva garantito da subito la riassunzione di parte del personale. E a giorni, sicuramente entro fine mese, D’Apollonio potrebbe anche arrivare alla sigla del contratto di concessione, alla Ica-Creset, dei servizi di riscossione del Comune di Isernia. Le riassunzioni, che potrebbero arrivare subito, ma è un dato da confermare, sarebbero una decina. La storia va avanti da giugno e da quando, cioè, il Comune deliberò per l’appalto in concessione dei servizi di riscossione dei tributi. Appena dopo l’insediamento del nuovo consiglio comunale, fu Gianni Fantozzi, dai banchi della maggioranza, che chiese la revoca dell’appalto, insistendo perchè il Comune trattasse con la società, che si era appena aggiudicata la riscossione del bollo auto regionale, e che garantiva la riassunzione di parte degli ex dipendenti di Esattorie Spa. La richiesta di Fantozzi fu approvata dal consiglio comunale e il dirigente del servizio Finanze ha annullato il bando d’appalto. Da subito, intanto, sono partite le trattative tra la Ica-Creset e la giunta D’Apollonio per verificare quanto tra l’ex personale di Esattorie Spa potrà essere riassunto grazie all’affidamento dei servizi di riscossione che, al Comune di Isernia, sono praticamente fermi da quando l’azienda dei Fratelli Marcucci emtrò in concordato. Le indiscrezioni parlano di una decina di unità e la sede sarebbe già stata fittata dalla Ica nei locali dove era ospitata la Regione, lungo viale dei Pentri, di fronte all’Automobile Club. E che si tratti di una buona scelta, lo conferma l’adesione al consorzio, arrivata proprio in queste ore anche da parte del Comune di Termoli. Insomma, l’Odissea degli ex Esattorie si sta avviando al capitolo finale e c’è da sperare che aderiscano anche altri comuni in modo da riassumere la gran parte degli ex dipendenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Campobasso, Gravina: “Entro l’anno prossimo pronta la Tangenziale nord”

Quando l’opera sarà completata, l’annuncio del sindaco di Campobasso è per il …