importanza-chiamarsi-ernestoPer lo spettacolo “Dentro la follia” Ivana Monti si è ispirata a Shakespeare ed Euripide. Il tema trattato è quello della follia del potere. Uno sguardo attento alla politica che – ieri come oggi – non porta a nulla di buono quando è maneggiata dalle persone sbagliate. In scena con Serena Marinelli e Simone Vaio, l’allieva di Giorgio Strehler ha dato il meglio di sé di fronte alla platea ristretta del Proscenio, dando al tempo stesso una bella lezione ai ragazzi della compagnia teatrale Cast. L’attrice è rimasta molto colpita da questo piccolo teatro ricavato in una vecchia bottega del centro storico di Isernia. Intanto al Proscenio prosegue la rassegna teatrale dedicata a Mario Scarpetta. Sarà proprio la compagnia cast la protagonista dei prossimi appuntamenti: domani, domenica e il 19 novembre sarà riproposto lo spettacolo “L’importanza di chiamarsi Ernesto”, di Oscar Wilde.

Potrebbe interessanti anche:

Covid, 10 positivi e un nuovo ricovero al Cardarelli. Ci sono anche 11 persone guarite

Dieci nuovi contagi ed un nuovo ricovero in Malattie infettive. Sono i dati dell’ultimo bo…