di PASQUALE DI BELLO

A ventiquattr’ore dall’affondo di Renzi che ha distrutto il PD molisano, continua l’imbarazzante silenzio dei suoi massi esponenti locali: il presidente della Regione, Paolo di Laura Frattura, e il segretario regionale, Micaela Fanelli. A che gioco stanno giocando?

Al momento in cui scriviamo questa nota (le 13 di martedì 8 novembre), il presidente PD della Regione Molise, Paolo di Laura Frattura, e il segretario regionale del medesimo partito, Micaela Fanelli, restano nascosti dietro un imbarazzante silenzio che, di fatto, conferma le parole del presidente del Consiglio, Matteo Renzi. Parlando nel frusinate, il premier ha spernacchiato, deriso e affondato il PD molisano, uscito letteralmente distrutto dalle parole del ducetto di Rignano sull’Arno. Attaccando a testa bassa, Renzi ha accusato i consiglieri regionali del Molise, e segnatamente quelli del suo partito, di votare NO al referendum costituzionale del prossimo 4 dicembre esclusivamente per difendere i propri privilegi. Una “paghetta” mensile che va dagli 11mila ai 13mila e 500 euro al mese. Un argomento pretestuoso, quello di Renzi, che non ha nessun collegamento con la riforma costituzionale. Per abolire i privilegi basta una legge ordinaria di un solo rigo e di un solo articolo che dica: “L’indennità dei consiglieri regionali del Molise è pari ad una medaglia di cartone”. Per farla, questa leggina, bastano cinque minuti.

Il tentativo di Renzi, ridicolo, è quello di mettere sullo stesso piano coloro che votano NO con quelli che difendono la paghetta. Se facessimo un referendum su questo tema, in Molise andrebbero a votare il 100% degli elettori per dire SI all’abolizione del privilegio con un risultato inequivocabile: 100%  meno 19 elettori. Cioè i diretti interessati al netto dei 5 Stelle che la paga se la sono ridotta e da tempo.

Il silenzio di Frattura e Fanelli è un silenzio complice, e lo è nei fatti se non anche nelle intenzioni. A che gioco stanno giocando?

Potrebbe interessanti anche:

Covid, 10 positivi e un nuovo ricovero al Cardarelli. Ci sono anche 11 persone guarite

Dieci nuovi contagi ed un nuovo ricovero in Malattie infettive. Sono i dati dell’ultimo bo…