Home Apertura Violento sisma scuote ancora il Centro Italia. La scossa di magnitudo 6.5 getta nel terrore anche il Molise
Apertura - Evidenza - QD - 30 Ottobre 2016

Violento sisma scuote ancora il Centro Italia. La scossa di magnitudo 6.5 getta nel terrore anche il Molise

tempot-15443-kuad-u109014457886975xd-1024x576lastampa-itdi ANNA MARIA DI MATTEO

Alla vigilia del 14esimo anniversario del sisma di San Giuliano di Puglia che provocò la morte, nella scuola Jovine, di 27 alunni e della maestra, questa mattina, 30 ottobre,  una nuova, lunga e fortissima scossa di terremoto, di magnitudo 6.5 ha fatto rimpiombare nel terrore l’Italia centrale. Il sisma alle 7,40, con epicentro vicino Norcia, ad una profondità di 10 chilometri, quindi molto superficiale, è stato avvertito anche in tutto il Molise.
A Campobasso il sisma è stato avvertito distintamente in quasi tutta la città e non solo da chi abita nei piani alti. In molti sono scesi in strada, ancora in pigiama, in attesa di capire cosa fosse successo.
Tantissima paura a Termoli e lungo la costa. Lì si sono vissuti momenti di puro terrore, e nella mente della gente sono tornati, inevitabilmente, i ricordi della tragedia di San Giuliano, anche se in quella circostanza la scossa fu di magnitudo 5.8, dunque di gran lungo inferiore a quella registrata oggi.
L’amministrazione comunale di Termoli ha disposto le verifiche sulle scuole e sugli edifici pubblici della città, stessa decisione è stata assunta dal sindaco di Montenero di Bisaccia.
Paura anche a Bojano, ed Isernia. Anche lì stessa scena, con la gente che è scappata in fretta e furia da casa, letteralmente terrorizzata.
I centralini dei vigili del fuoco sono stati persi letteralmente d’assalto, ma non si registrano per fortuna danni. Solo tanto spavento. Subito dopo la scossa le linee telefoniche, soprattutto quelle della telefonia mobile, sono andate letteralmente in tilt, impossibile telefonare. Le comunicazioni affidate ai messaggi su whatsapp.
Intanto non si fermano le repliche, con decine e decine di scosse che continuano a far tremare la terra. Gli esperti parlano di contagio sismico , fenomeno che potrebbe portare nuove scosse, anche di fortissima intensità, nel giro di molti anni, mesi, o anche ore.
E mai come in questo caso è assolutamente indispensabile puntare sulla prevenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Paglione: «La regione ci dica chiaramente cosa vuol fare dell’Ospedale di Agnone»

«Qualche giorno fa dissi pubblicamente che la tragedia che stiamo vivendo – vale a dire l’…