Home Attualità 31 ottobre: Giornata della memoria a San Giuliano di Puglia tra ricordo e futuro condiviso
Attualità - Evidenza - QD - 30 Ottobre 2016

31 ottobre: Giornata della memoria a San Giuliano di Puglia tra ricordo e futuro condiviso

san_giuliano_scuola_terremoto_2002Sono passati quattordici anni dall’evento che ha cambiato per sempre la storia del Molise. Nel luogo dove sorgeva la scuola elementare un pilastro lascia il segno del passare del tempo e tutto intorno le lapidi con i nomi dei ventisette bambini e della maestra ricordano le aule della Jovine, un edificio – la scuola – che dovrebbe essere il più sicuro di tutti nei giorni in cui un altro devastante terremoto ha sconvolto l’Italia centrale.
Lunedì 31 ottobre si celebra la giornata della memoria a San Giuliano di Puglia, il paese più colpito dal sisma del 2002,  oggi ricostruito e una comunità che gradualmente ha ripreso una vita per quanto possibile normale.
Un giorno dedicato alla riflessione, alla preghiera e a rinnovare un monito a tutte le istituzioni, quello di continuare a lavorare per la sicurezza degli edifici scolastici e delle case, un tema che non ha mai perso l’attualità e che configura un forte appello rivolto in ogni angolo del Paese.
A San Giuliano, come ogni anno, saranno diversi i momenti di una giornata di ricordo e commemorazione.
Alle 11.32 il ritrovo al cimitero comunamemoria-2le dove la campana degli Angeli suonerà per trenta volte scandendo così i nomi dei bambini, della maestra e delle due donne morte in paese.
Il corteo raggiungerà il parco della memoria costruito sulle macerie dell’edificio crollato per la deposizione delle corone di fiori. Alle 17.30 la messa che aprirà la lunga veglia di preghiera fino alla messa di Ognissanti celebrata alle 11 dal vescovo, Gianfranco De Luca. Nella serata del 31 ottobre, alle 20, la significativa fiaccolata lungo il percorso della memoria a cura del Comitato vittime della scuola. Un ricordo sempre vivo e momenti di partecipazione anche tra chi c’era e chi è nato dopo, per guardare al futuro con consapevolezza e rispetto in un abbraccio collettivo.

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Paglione: «La regione ci dica chiaramente cosa vuol fare dell’Ospedale di Agnone»

«Qualche giorno fa dissi pubblicamente che la tragedia che stiamo vivendo – vale a dire l’…