Home Apertura Termoli: trattenute negate in busta paga a iscritti Usb, Fca condannata dal giudice

Termoli: trattenute negate in busta paga a iscritti Usb, Fca condannata dal giudice

Non è la prima volta che la magistratura di Larino interviene sui rapporti di lavoro all’interno della Fiat di Termoli, oggi Fca. Nei giorni scorsi il giudice Veronica D’Agnone ha accolto il ricorso presentato dall’Unione sindacale di Base che aveva contestato il comportamento dell’azienda che si è sempre rifiutata di effettuare la trattenuta sindacale nelle buste paga dei lavoratori che avevano aderito all’Usb condannando Fca per condotta antisindacale e ordinando il pagamento dei crediti scaduti, delle spese di lit, oltre che l’affissione del decreto nelle bacheche aziendali per trenta giorni. Secondo l’avvocato Riccardo Faranda si tratta di un dispositivo dalla grande importanza politica e che ora Fca deve riconoscere l’Usb come sindacato.
Davanti ai cancelli della più grande azienda italiana l’Usb ha voluto rivendicare i suoi diritti. Molti iscritti Fiom nell’ultimo periodo sono passati all’Unione sindacale di Base, tra cui Stefania Fantauzzi, secondo la quale la Fiat ha paura della partecipazione diretta dei lavoratori. Secondo Andrea di Paola invece è necessario ritrovare la solidarietà tra gli operai.
Il segretario regionale Usb Sergio Calce ha ricordato lo sciopero generale indetto dal sindacato per il 21 ottobre contro il governo Renzi e la manifestazione a Roma del giorno successivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Il presidente della residenza per anziani di Trivento: grazie a tutti gli ospiti e parenti per aver compreso ed accettato le inevitabili difficoltà del momento

Il presidente della Fondazione San’Antonio di Padova Onlus, Riccardo Meo, lancia un messag…