26 C
Campobasso
venerdì, Giugno 14, 2024

Campobasso. Droga e armi, conviventi in manette

AttualitàCampobasso. Droga e armi, conviventi in manette

polizia-2Si rifornivano di droga in Sicilia, ad Agrigento, di dove sono originari e la spacciavano a Campobasso, dove risiedono da anni in Via Quircio. Avevano un ampio mercato. Luigi Nicastro, 43 anni e Anna Arnone 40, una coppia, due conviventi, sono stati fermati e poi arrestati dai poliziotti di Campobasso. E tutto è avvenuto al Terminal bus del Capoluogo. La coppia, con il figlio di lui, maggiorenne, insieme alla fidanzata minorenne, e la figlia di lei, pure minorenne, tutti insieme stavano scendendo dall’autobus che ogni giorno collega Campobasso a Palermo. Gli agenti sapevano dello spaccio, grazie alle segnalazioni di alcuni cittadini, indagavano sulla coppia, sui due siciliani, all’apparenza insospettabili, incensurati, ma che – hanno spiegato Il capo della Mobile Iasi e il dirigente della divisione anticrimine Farinacci – in realtà sono abili pusher in grado di far arrivare molta droga nel capoluogo. Droga che spacciavano in centro, vicino casa in Via Quircio, via Monforte, Piazza Venezia. Vendevano anche a minorenni, è stato detto in conferenza stampa in Questura, dove sono stati portati. Quando sono scesi dall’Autobus avevano dei cannoli sisicliani, ma anche delle borse. E nella borsa della donna c’erano 700 grammi di Hashish in panetti e 50 grammi di cocaina, purissima. Il 43enne aveva alla cintura una pistola, modificata, un revolver della prima guerra mondiale, funzionante e 11 pallottole. Arma clandestina. La 40enne aveva altri 54 proiettili.
I due risultano nullafacenti e sono ora rinchiusi lui in carcere a Campobasso e lei a Benevento; dovranno rispondere dei reati di detenzione ai fini di spaccio di droga e di detenzione di armi e munizioni. i poliziotti hanno sottolineato che la coppia utilizzava l’autobus per aumentare la possibilità di eludere i controlli e si muoveva con i figli probabilmente per apparire come una normale famiglia che tornava nella sua terra d’origine. Quando di due sono stati controllati in Questura una delle preoccupazioni manfestata è stata quella di chiedere se negli uffici c’era un frigorifero dove conservare i cannoli che altrimenti si sarebbero guastati. La droga sequestrata immessa sul mercato avrebbe fruttato almeno 20 mila euro» ha dichiarato il capo della squadra Mobile di Campobasso, Raffaele Iasi.

Ultime Notizie