san-pietro-avellana-panoramaUna giornata storica quella vissuta lo scorso week end a San Pietro Avellana. Dopo i lavori di restauro è stata infatti riconsegnata alla comunità la chiesa intitolata a san Giovanni Battista. Edificata nell’XI secolo – ai margini del tratturo e a pochi passi dal centro abitato – è stata da sempre un punto di riferimento per tutti, soprattutto durante al seconda guerra mondiale: fu infatti l’unico edificio a restare in piedi in un paese raso al suolo dalle bombe. Per un periodo ospitò anche delle persone rimaste senza casa. Per la riapertura della chiesetta di contrada san Giovanni si è rivelato decisivo l’impegno dei proprietari. Anche se le basi sono state poste negli anni precedenti, grazie a un intervento della Soprintendenza, ai fondi della Regione e al pressing dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Francesco lombardi. La riapertura al culto della chiesetta è stata accolta con grande gioia ed emozione da parte del parroco del paese, don Felice Fangio. Fino ad oggi in paese è rimasta attiva solo al chiesa madre.

Potrebbe interessanti anche:

Neve tra Agnone e Capracotta, strade ghiacciate e automobilisti in panne

L’abbassamento delle temperature e le precipitazioni nevose delle ultime ore hanno d…