Home Apertura Primo giorno di scuola, ma non per tutti

Primo giorno di scuola, ma non per tutti

di Giovanni Di Tota

Inizio delle lezioni rinviato in 3 scuole di Isernia. Problemi anche a Capracotta. Matrice, Cerro al Volturno, Montaquila. Tecnici al lavoro per le verifiche sulla vulnerabilità sismica degli edifici.

Zaino in spalla, libri sottobraccio. Domani si riparte e in migliaia sono gli studenti che in Molise varcheranno il portone d’ingresso della loro scuola. Per alcuni ci sarà la novità del passaggio alle medie, o alle superiori. Una parte avrà davanti, alla fine di questo nuovo anno scolastico, il muro degli esami di maturità.
E come accade ogni inizio d’anno, la scuola sconta i problemi di sempre. Riforma contestata dagli insegnanti, precariato, cattedre e ora anche i trasferimenti, messi nel mirino dai sindacati.
Ma quello che più preoccupa in questi giorni è la tenuta degli edifici. Troppo fresche negli occhi di tutti le immagini della devastazione del sisma che ha colpito Lazio, Umbria e Marche.
A Isernia dietrofront del sindaco Giacomo d’Apollonio sulla riapertura. Ieri sera ha firmato un’ordinanza con la quale l’inizio delle lezioni è stato rinviato a lunedì 19 settembre.
Il provvedimento riguarda le medie Andrea d’Isernia e Giovanni XXIII, e la primaria San Pietro Celestino, per gli alunni ospitati nell’edificio di Piazza Volta.
Per gli alunni dell’infanzia, invece, la campanella suonerà giovedì 15 settembre.
Sono quasi terminati i lavori e il trasloco nello stabile individuato a Miranda, mentre a breve dovrebbero arrivare i nullaosta.
La decisione di posticipare la riapertura delle scuole di una settimana è maturata in seguito alle ultime riunioni con i genitori e a un confronto con i tecnici di Palazzo San Francesco.
D’Apollonio ha ritenuto opportuno altri sopralluoghi nei tre edifici di competenza del Comune. Già da domani un gruppo di professionisti volontari messi a disposizione degli ordini professionali darà il via alle verifiche.
Campobasso il Sindaco ha chiuso la scuola elementare di via D’Amato, i cui alunni e gli insegnanti svolgeranno lezioni pomeridiane in altra struttura. A Matrice, invece, la scuola d’infanzia riaprirà il 21 settembre per consentire le verifiche statiche all’edificio e l’effettuazione di alcuni lavori alle uscite di sicurezza.
Problemi analoghi anche in altri centri della provincia di Isernia. Dopo Cerro al Volturno, anche a Montaquila il sindaco Franco Rossi ha posto i sigilli alla scuola d’infanzia a causa di crepe nelle mura.
Stesso provvedimento è scattato a Capracotta, per ordine del primo cittadino, Candido Paglione. L’avvio delle lezioni slitterà di alcuni giorni proprio per controllare lo stato dell’edificio scolastico del paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Striscioni e manifesto a lutto a San Giovanni in Galdo per protestare contro il progetto di un forno crematorio

Il tema in regione è molto sentito. Il Molise, mentre è sempre più elevato il numero delle…