È stato trovato senza vita in un vascone della diga di Occhito il corpo di un bracciante di 27 anni romeno del quale si erano perse le tracce da diverse ore in territorio di Carlantino, a poca distanza da Colletorto. A dare l’allarme era stato il datore di lavoro che non l’aveva più visto rientrare. I Carabinieri hanno trovato il cellulare, la canna da pesca e alcuni indumenti del giovane, che dalle prime informazioni si chiamava Fanica Tanase, in prossimità dell’invaso: è morto per annegamento. Il cadavere è stato recuperato dai sommozzatori dei Vigili del Fuoco, arrivati da Taranto. Gli accertamenti sono stati effettuati dai militari dell’Arma.DigaOcchito

Potrebbe interessanti anche:

Completamento Fresilia a rischio, Sindaci e cittadini protestano e scendono in strada

Un’arteria di collegamento importante quella della Fresilia che, almeno sulla carta,…