Home Apertura Scarabeo in rotta con Frattura. Dice basta e abbandona il Partito democratico
Apertura - Attualità - Evidenza - Politica - QD - Regione - 12 Agosto 2016

Scarabeo in rotta con Frattura. Dice basta e abbandona il Partito democratico

Scarabeo-M.Non ne posso più e ti lascio. Questa la sintesi, ma non si tratta di un divorzio qualunque, è Massimiliano Scarabeo che ha deciso di mandare a quel paese Paolo Frattura e con lui il Partito Democratico. Dopo Ferragosto arriverà la sua conferenza stampa, con la comunicazione ufficiale di una decisione oramai irrevocabile. L’ex assessore se ne va dal Pd, ma ci tiene a dire che lui andrà via da un partito che è oramai appiattitto sulle posizioni e sugli errori di Frattura, un Pd che sta perdendo ogni aggancio con il territorio. Tanti, troppi, i motivi alla base del clamoroso divorzio, ma più di tutti, il profondo disaccordo, con Paolo Frattura, a cui Scarabeo addebita una serie infinita di errori. L’ex assessore vuol guardare oltre il Pd, verso un’area alternativa che metterà al primo posto i bisogni di una regione e di un territorio ancora fortemente penalizzati dalle scelte sbagliate fatte dalla classe dirigente del Partito Democratico, a partire proprio dal governatore. L’elenco delle doglianze è lunghissimo, si va dal disaccordo di fondo con Paolo Frattura, alla constatazione, fatta da Scarabeo, che il Pd molisano sta perdendo decisamente il contatto con il territorio. Non presentare il simbolo alle elezioni provinciali di Campobasso è stata solo l’ultima delle gocce che ha fatto traboccare il vaso della pazienza dell’ex assessore. Già Scarabeo aveva più volte esternato il suo dissenso: per le elezioni comunali di Isernia, ieri, per le provinciali di Campobasso, oggi, lì dove c’è una commisione tra sinistra e destra e dove manca la presenza fondamentale del simbolo del Pd. Senza dimenticare la difesa della sanità pubblica, che lo ha visto intervenire pesantemente in consiglio regionale, in antitesi con la linea portata avanti da Frattura. O, ancora, la situazione del Consorzio Industriale di Isernia-Venafro, dove Scarabeo, più volte, ha parlato di incompatibilità dell’attuale commissario. Insomma ce n’è per tutti. Scarabeo non ne può più e vuol dire basta. Guarda avanti, uscirà da un Pd che, secondo lui, appiattendosi sulle posizioni di Frattura sta perdendo, giorno dopo giorno, riferimenti e credibilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Termoli: lavaggio delle strade del centro, Rieco al lavoro

Ieri 12 agosto una squadra di operatori della Rieco ha provveduto al lavaggio meccanizzato…