di PASQUALE DI BELLO

Prosegue senza sosta l’attività del Forum per la tutela della Sanità pubblica. Da associazione di fatto si va verso la costituzione formale. Un passaggio necessario ad adire le aule di Giustizia. Sotto l’attacco del Forum, il Piano Operativo voluto da Frattura.

Se sarà necessario, porteremo Frattura nelle aule di Giustizia. E’ questo, in sintesi, l’esito dell’ultima assemblea del Forum per la tutela della Sanità pubblica. All’indomani dell’accordo sottoscritto in Conferenza Stato-Regioni grazie al quale la Regione Molise dovrebbe beneficiare di 73 milioni di euro, frutto della solidarietà delle altre regioni, per tappare parte del disavanzo sanitario, il Forum cerca di mettere i puntini sulle i. A partire da un particolare tanto disarmante quanto vero se messo a paragone delle dichiarazioni trionfalistiche del Presidente-Commissario Frattura, un vero e proprio Maradona del depistaggio. “Nessun piano operativo è stato approvato”, dice Italo Testa, che pone l’accento anche sulla necessità di una costituzione formale del Forum: una associazione di secondo, questa la formula verso la quale si sta andando.

La battaglia quindi continua, sul piano tecnico, su quello politico della mobilitazione e, da qui in avanti, anche su quello della giustizia. Nel corso della riunione si è posto l’accento anche su una questione delicatissima, una delle tante incluse nelle prescrizioni draconiane imposte dal Tavolo tecnico. “Perché – ha sottolineato Testa – i cittadini dovrebbero pagare i debiti contratti dalla Regione verso Cattolica e Neuromed per prestazioni effettuate extra budget?”. Una bella domanda, quella di Testa, a cui nessuno risponderà. Il contenzioso si è risolto in accordi transattivi e le corrispondenti somme sono state già liquidate nella quasi totalità. Le decine di milioni pagati nelle ultime settimane la dicono lunga. Oltre alla passione per il pallone e per Maradona, Frattura ne annovera un’altra: quella per il trotto. Come corre felice lui, quando sente la parola “privato”, in Molise non corre nessuno.

Potrebbe interessanti anche:

Una famiglia alla guida della Caritas di Termoli-Larino

Il vescovo, mons. Gianfranco De Luca ha nominato i coniugi, il diacono Vito Chimienti e su…