webmail.telemolise.comdi GIOVANNI DI TOTA

Un intreccio di storie e di vite spezzate e un groviglio di lamiere ripiegate su se stesse.

Difficile capire a quale delle Panda bianche appartengono i pezzi sbriciolati e volati via sull’asfalto dopo uno scontro tremendo. Solo il marchio Asrem identifica una delle auto, sulla quale viaggiavano due donne, dipendenti dell’azienda sanitaria regionale.

Sull’altra l’ex sindaco di Cercepiccola, Franco Valletta 77 anni, rimasto immobile sul sedile di guida dopo l’impatto. I soccorsi sono stati immediati. Il defibrillatore per tentare di rianimare l’anziano. Poi il viaggio dell’ambulanza a sirene spente verso l’ospedale.

Le due donne ferite, ma vive. Una di loro, con entrambe le gambe fratturate e il sospetto di lesioni interne trasportata d’urgenza al Cardarelli in condizioni critiche, è deceduta pochi minuti dopo l’arrivo in ospedale. Concettina Di Soccio, 55 anni lavorava come infermiera proprio al Cardarelli, caposala del reparto malattie infettive. Orgogliosa della sua professione aveva la foto sul profilo facebook con il camice azzurro.

Tutto è avvenuto in una frazione di secondo su uno dei punti più pericolosi della statale 17, che collega Campobasso a Bojano. Su quel tratto la strada consente alle auto che viaggiano verso il capoluogo di sorpassarsi. Mentre per chi scende in direzione contraria la doppia riga non permette altre manovre. Poche centinaia di metri che spesso invogliano a premere sul pedale. Non è la prima volta che accade. Vinchiaturo è poco distante dalla carreggiata, appena dopo gli alberi.

Le due Panda si sono scontrate muso contro muso e sono rimbalzate all’indietro come due cocci di latta impazziti. Lo sportello dell’auto aziendale dell’Asrem è finito nel dosso. Sull’asfalto pezzi di carrozzeria e di motore.

Storie intrecciate come in una trama preordinata, con uno strano appuntamento del destino in quel tratto maledetto di strada. Proprio sulla statale, una ventina di anni fa, Franco Valletta aveva perso la moglie in un incidente stradale. Lui, aveva svolto anche il ruolo di revisore dei conti per l’Asrem. Concettina Di Soccio, madre di due figli era sposata con un ristoratore della città. In ospedale, ferita e sotto shock l’altra infermiera la cui vita non è in pericolo.

Loro andavano all’ambulatorio di Bojano, Valletta pare stesse tornando a Cercepiccola di ritorno da un viaggio nella capitale. Vigili del fuoco e 118 hanno lavorato ai soccorsi, le forze dell’ordine regolato il traffico, deviato su una strada laterale. Dai loro rilievi si capirà cosa è accaduto. Servirà a poco, il prezzo altissimo a una strada inadeguata e pericolosa è già stato pagato.

Potrebbe interessanti anche:

Isernia, manifestazione pacifica No Green Pass: “Triste chiama Isernia risponde”

Si sta svolgendo presso la Villa Comunale di Isernia una manifestazione pacifica a sostegn…