Home Attualità Macchiagodena. Turismo di ritorno, una potenziale risorsa per i piccoli paesi molisani

Macchiagodena. Turismo di ritorno, una potenziale risorsa per i piccoli paesi molisani

Per i burloni di Facebook il Molise non esiste. Non ditelo però a chi in questa terra ci è nato, ma che per motivi di lavoro è stato costretto a lasciarla. Quei paesini arroccati sulle montagne, il verde, i sapori e le amicizie suscitano un amore così grande che non si può descrivere a parole. Lo dimostrano i tantissimi emigranti che fanno migliaia di chilometri pur di tornare alle proprie origini. Il caso di due fratelli di Macchiagodena è significativo. Rolando e Osvaldo Monaco hanno fatto fortuna a Los Angeles, negli Stati Uniti, ma ogni anno lasciano tutto per tornare nella loro casa nativa e per provare emozioni indescrivibili. Esempi del genere ce ne sono tanti nella nostra regione, per questo non sarebbe affatto azzardato a pensare a qualche idea che stimoli il cosiddetto turismo di ritorno. Il Molise potrebbe giocarsi tranquillamente questa carta, tra l’altro senza fare grandi sforzi. Gli emigranti potrebbero rappresentare una risorsa economica importante per i piccoli paesi. Di soldi ne spendono. E tanti. Certo è che innamorarsi del Molsie è facile. Anche le mogli dei fratelli Monaco – la signora Brenda, canadese, e la signora Franca, di origini pugliesi – all’appuntamento annuale con Macchiagodena non intendono affatto rinunciare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Coronavirus, nuovo aumento di positivi: 56 casi dai 577 tamponi, 12 le persone guarite

Ancora una impennata di nuovi positivi in Molise. Dai 577 tamponi processati nelle ultime …