Home Attualità Sanità, ecco su cosa puntare per avere un servizio di qualità
Attualità - Evidenza - Idee e opinioni - QD - Sanità - 30 Giugno 2016

Sanità, ecco su cosa puntare per avere un servizio di qualità

sanità

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di MINO DENTIZZI

Ultimamente è esplosa la polemica sulla sospensione all’ospedale Cardarelli di Campobasso dei ricoveri ordinari, come quella sulla presunta pericolosità sempre dello stesso Ospedale in caso di sisma.

Nel mentre in Molise due ospedali pubblici si smantellano (Larino e Venafro), un terzo funzionerà come presidio ospedaliero per le zone disagiate (Agnone), gli altri (Campobasso, Isernia e Termoli) sono ridimensionati secondo gli standard del decreto ministeriale Balduzzi: in maniera ragionieristica si applicano tali standard senza pensare che gli ospedali hanno bisogno di essere profondamente ripensati sia dal punto di vista funzionale che architettonico.

La qualità, l’efficienza e l’efficacia di un servizio socio-sanitario sono assolutamente  collegate ad un’accorta  e corretta progettazione, realizzazione e manutenzione delle strutture ospedaliere in cui devono essere  contemplate tutte le  disparate esigenze degli utenti e degli operatori che interagiscono al loro interno. I cambiamenti sociali, economici e politici  condizionano prepotentemente i luoghi di cura. Sono le relazioni tra i  svariati  elementi in gioco che, trasformando i bisogni della società,  modificano a loro volta le modalità con cui un ambiente ospedaliero risponde alle nuove necessità. Per poter riprogettare e/o rimodulare le strutture ospedaliere molisane  bisogna  sapere la storia e le istanze sociali  odierne per acquisire sempre più la capacità di saper anticipare le  necessità di domani. Storicamente gli ospedali si definivano  esclusivamente come spazi in cui il ricovero, il posto letto si collocava al centro dell’intero sistema. Ma con il progresso delle conoscenze scientifiche e delle sue applicazioni e lo sviluppo della informatica, queste strutture vengono sempre più integrate con l’ inclusione di funzioni per la formazione, la ricerca e i servizi. Le  indispensabili caratteristiche innovative che non devono mancare dovrebbero essere la flessibilità, la sostenibilità, l’introduzione di spazi verdi, il ripensare l’ospedale quale  opportunità di rigenerazione urbana, considerando che gli studi sulla relazione ambiente-costruito e salute in rapporto agli aspetti sociali nei sistemi socio-sanitari dimostrano come il design degli ambienti e gli aspetti sociali ad esso  collegati abbiano  rilevanti effetti positivi sul benessere e sulla salute degli utenti, quali pazienti, visitatori e operatori sanitari.

Riguardo a come devono essere i futuri ospedali, l’indirizzo che sempre più prende piede è quello di creare sistemi socio-sanitari in cui siano sviluppate eccellenze a vario livello sulle diverse specializzazioni cliniche. Questo sottintende uno  potenziamento di reti infrastrutturali per la salute distribuite sull’intero territorio. Infatti, le architetture per la salute  riservate alle cure primarie avranno sempre più parte attiva nelle città e nei paesi e nella per la prevenzione e la promozione della salute e l’utente si recherà in ospedale solo per interventi e visite specialistiche. In questa direzione, per garantire  di continuo l’accesso ai servizi, soddisfare le necessità dei  cittadini e  fare diventare più efficiente ed efficace il sistema sanitario, bisogna potenziare la rete infrastrutturale della salute che si rapporta con i paesi e il territorio in  modo capillare attraverso, ad esempio, quelle che sono le attuali tendenze nell’ambito della progettazione delle case per la salute e gli ospedali di comunità.

Ma forse è chiedere troppo a chi pensa solo a far diminuire i costi.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

No al nuovo processo per don Marino: il Gip archivia i fatti commessi dai 14 ai 17 anni di Giada

Non ci sarà un nuovo processo per don Marino Genova, il parroco di Portocannone già condan…