Home Attualità Isernia. Il Pcl: strade insicure e senza manutenzione, prorogare i contratti dei cantonieri

Isernia. Il Pcl: strade insicure e senza manutenzione, prorogare i contratti dei cantonieri

strade erbacceVertenza cantonieri: nuovo appello del Partito comunista dei lavoratori al presidente della Provincia di Isernia, Lorenzo Coia, e al presidente della Regione, Paolo Di Laura Frattura, affinché vengano prorogati i contratti dei cantonieri e stabilizzate le loro posizioni lavorative: “Come è noto – spiega il coordinatore del Pcl, Tiziano Di Clemente – i cantonieri precari della provincia di Isernia rischiano di perdere definitivamente il lavoro a causa dall’avvenuta scadenza dei contratti a termine, con tutte le drammatiche conseguenze per le loro famiglie. L’ingiustizia di tale risvolto è ancora più evidente se si pensa che il loro lavoro è essenziale per l’interesse collettivo, trattandosi di inderogabili e strutturali esigenze di manutenzione e sicurezza stradale a parte le emergenze per neve ed altre calamità. Non solo, come relazionato anche dalla Corte dei Conti la loro assunzione diretta ha consentito alla Provincia anche un notevole risparmio economico rispetto alla esternalizzazione. D’altro lato la privatizzazione del servizio è comunque assolutamente da scongiurare: comporterebbe la perdita definitiva del rapporto di lavoro degli attuali cantonieri precari e comunque un peggioramento delle condizioni lavorative. Vero che questa iniqua situazione di precarietà deriva dalla mala gestio delle passate amministrazioni di destra, da Mauro sino a quella del neo leghista salviniano Mazzuto; ma ciò non esime l’attuale amministrazione dal provvedere a rimuovere una simile ingiustizia. Ciò premesso, si chiede: nell’immediato, di prorogare l’assunzione dei predetti cantonieri sino al 31/12/2016,dando attuazione all’articolo 1, commi 9 e 9bis , della Legge 25 febbraio 2016, n. 21 il quale dispone che le province, per comprovate necessità, possono prorogare i contratti di lavoro a tempo determinato fino al 31 dicembre 2016, atteso che la Regione Molise ha la disponibilità finanziaria; Scongiurata la perdita del lavoro nell’immediato, si continuerà nel frattempo, ad operarsi oltre che per le ulteriori proroghe, per trovare, in accordo con la regione, una soluzione per la stabilizzazione dei predetti lavoratori scongiurando la nefasta privatizzazione del servizio; si ricorda che peraltro sono in corso anche le cause presso il giudice del lavoro per detta stabilizzazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Casa riposo Agnone, Scarano: Governo e Regione non abbandonino chi assiste gli anziani

Ogni tampone effettuato sugli ospiti e sugli operatori della casa di riposo San Bernardino…