Home Attualità Inaugurata la sede della sezione di Isernia dell’Associazione Radioamatori Italiani

Inaugurata la sede della sezione di Isernia dell’Associazione Radioamatori Italiani

radioamatoriNuova location per i radio amatori Pentri dell’ARI (Associazione Radioamatori Italiani). È stato infatti inaugurata la nuova sede della sezione di Isernia, presso la scuola “San Giovanni Bosco” sita in via XXIV Maggio. Una conquista che porta la firma del presidente della sezione d’Isernia, Giuliano Di Salvo, voce nota del radiantismo molisano: “Sono molto soddisfatto per aver raggiunto questo traguardo – commenta il presidente della sezione –: dal 1989 (anno di nascita della sezione di Isernia) le sedi sono state: Fragnete, Longano e Sant’Agapito. Avere una sede nel capoluogo, tra l’altro in zona centrale della città, è un risultato positivo perché i radioamatori possono riunirsi (il Sabato pomeriggio) per scambiare nozioni tecniche su argomenti riguardanti l’elettronica, le telecomunicazioni e tutto ciò che riguarda la radio tecnica. È certamente un punto di riferimento valido e sicuramente un fattore di crescita sia a livello tecnico che personale. Da sottolineare l’aspetto di utilità sociale dei radioamatori Isernini, sempre intervenuti in caso di calamità naturali (terremoti e alluvioni): quando purtroppo le reti telefoniche vengono a mancare, la loro opera diventa preziosa. Desidero ringraziare in particolar modo la direttrice della scuola Mariella Di Sanza – conclude il presidente – che ha accolto la nostra proposta; il cordinatore nazionale Alfredo Gallerati che mi ha sostenuto e aiutato per la presentazione del progetto previsto dal ministero dell’Istruzione ‘la radio nelle scuole’e tutti coloro che mi hanno supportato materialmente a sistemare la sede, installando apparecchiature radio e antenne’’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Coronavirus, posti letto dei privati in soccorso della sanità pubblica

Privati in soccorso della sanità pubblica. Per combattere il Coronavirus, in Molise non es…