Home Apertura A Campobasso parte la raccolta differenziata. Primo step: il centro storico
Apertura - Attualità - Evidenza - Politica - QD - 30 Giugno 2016

A Campobasso parte la raccolta differenziata. Primo step: il centro storico

imagedi ANNA MARIA DI MATTEO Dopo anni di attesa e di annunci, stavolta sembra essere la volta buona: a Campobasso partirà il servizio di raccolta differenziata dei rifiuti.
Un obiettivo che era tra quelli inseriti nel programma della Giunta Battista e, a conferma della volontà politica di realizzarlo, il sindaco ha nominato un assessore che avesse proprio quella delega.
Una decisione che nasce dalla necessità di salvaguardare l’ambiente, garantire decoro alla città ed alle contrade e cercare di ridurre il costo a carico dei contribuenti. Un passaggio importante che segna una svolta: un cambiamento culturale e nelle abitudini dei cittadini, ma necessario per stare al passo con le altre realtà del Molise, oltre che dell’Italia. Indispensabile, dunque recuperare il grave ritardo accumulato. Dunque si parte.
L’annuncio nella conferenza stampa nella sala consiliare. C’erano il sindaco Battista, l’assessore comunale Ramundo, quello della Regione Facciolla ed il presidente della Sea Sabatini.
L’attivazione del servizio, dunque seguirà un percorso ben preciso: prima il centro storico, con l’utilizzo di isole ecologiche mobili, affiancate da guardie ambientali. Ma la differenziata si estenderà, un po’ per volta, a tutto il territorio comunale, a seconda delle esigenze dei quartieri e delle contrade. Insomma, un servizio su misura, come ha tenuto a sottolineare l’assessore Ramundo.
Secondo il cronogramma che l’amministrazione ha stabilito, prima della fine di luglio la differenziata partirà nel centro storico, mentre nei quartieri più grandi e nella contrade dovrebbe entrare in funzione in autunno. In primavera, a chiudere, il centro murattiano.
«Siamo pronti, la città è pronta – ha dichiarato soddisfatto il sindaco Battista – Ci aspettiamo la collaborazione dei cittadini».
Cittadini che sperano di ricevere bollette più leggere e vedere una città più pulita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Coronavirus, posti letto dei privati in soccorso della sanità pubblica

Privati in soccorso della sanità pubblica. Per combattere il Coronavirus, in Molise non es…