Dieci anni di servizio nella Diocesi di Termoli-Larino, un territorio piccolo e accogliente ma che deve fronteggiare il dramma del lavoro e della fuga dei giovani. Un anniversario importante per il vescovo, Gianfranco De Luca, ordinato nel  2006 nel santuario di San Gabriele dell’Addolorata in Abruzzo, la sua terra, oggi integrato e sempre tra la gente della città e degli altri centri del Basso Molise. Un momento per fare tesoro delle esperienze del passato e guardare al futuro con consapevolezza.
Un messaggio di grazie, di condivisione e arricchimento spirituale, quello rivolto dai sacerdoti della Diocesi che hanno partecipato alla messa solenne officiata in Cattedrale a Termoli. Un impegno rinnovato da De Luca che in tre parole ha voluto racchiudere il senso del suo mandato: misericordia, servizio e gioia ricordando sempre che – ha affermato il vescovo – ”sono me stesso nella misura in cui sono per gli altri”.
Un percorso che continua e si inserisce nei progetti avviati in questi anni: soc IMG_3251 IMG_3250 IMG_3248iale, lavoro, accoglienza, integrazione e ascolto del dolore in un territorio dove le famiglie povere sono numerose. Al centro restano la guida di Papa Francesco e il suo esempio.IMG_3247

Potrebbe interessanti anche:

Radioterapia. Deodato (Gemelli): il protocollo Asrem dannoso per i pazienti

Radioterapia. Per la prima volta parla Francesco Deodato, direttore del reparto presso il …