cb

di Gianni Bruno

Il Campobasso farà un pensierino al ripescaggio in Lega Pro. Un’ipotesi, tuttavia, mai completamente messa al bando dal nuovo socio Aliberti che qualche giorno fa ci confidò: “Aspettiamo il comunicato della Lega Pro, poi decidiamo.” Il comunicato c’è stato nella tarda serata di ieri e individua con nettezza cinque requisiti precisi da possedere per potersi aggiudicare a tavolino la categoria superiore. Questi sono: un versamento a fondo perduto di duecentocinquantamila euro, il pagamento degli emolumenti fino al mese di maggio, l’assenza di illeciti sportivi ed amministrativi ed una struttura sportiva rispondente ai requisiti della Lega Pro. Insomma, quasi un invito a nozze per molte società dell’attuale quarta serie a presentare la propria candidatura per il ripescaggio. Prova ne sia un taglio netto del 50% al fondo perduto che lo scorso anno ammontava a cinquecentomila euro.

Il Campobasso prenderà in seria considerazione la possibilità di avanzare detta richiesta di ripescaggio. Oggi non esistono più possibilità di ieri; esiste soltanto una riflessione più ponderata su possibili ed importanti scenari che si potrebbero configurare. Il tempo per fare tutte le valutazioni del caso c’è.

Il Campobasso potrebbe essere carente soltanto dal punto di vista strutturale. Selva piana non ha tutti i requisiti rispondenti ad un campionato professionistico. Le risorse sono ancora lì che giacciono ed aspettano di essere utilizzate per rifare il look ad un impianto che, obiettivamente, è davvero vetusto e sul quale urge compiere opere di potenziamento. Ma in quest’ottica dovrebbe essere sollecito il comune di Campobasso a mettere in campo tutti gli strumenti utili a servirsi dei famigerati ottocentomila euro che sembra siano sul punto di essere finalmente aggiudicati attraverso la gara di appalto.

La Campobasso calcistica vive momenti di calma solo apparente, tutt’altro che piatta. Tante la carne sul fuoco. Dopo il consiglio federale di ieri, poi, ci sono argomenti in più da tenere in debita considerazione.

 

 

 

 

 

Potrebbe interessanti anche:

Ad Agnone tornano le luminarie di Zarlenga: “In ricordo di Andrea Pannunzio”

Ad Agnone tornano le luminarie di Clemente Zarlenga. L’artigiano ha posizionato nuov…