Home Apertura Patto per il Molise, Frattura corre ai ripari e convoca il partenariato. Ma non riesce a sciogliere i molti dubbi
Apertura - Attualità - Politica - QD - Regione - 22 Maggio 2016

Patto per il Molise, Frattura corre ai ripari e convoca il partenariato. Ma non riesce a sciogliere i molti dubbi

alunni-costituzione-460x300di ANNA MARIA DI MATTEO

E’ subito corso ai ripari il presidente della Regione Frattura per tentare di smorzare le polemiche provocate dal mancato coinvolgimento del partenariato sul Patto per il Molise che dovrebbe essere firmato con il premier Matteo Renzi. Così, il governatore ha convocato, nella sede della Giunta, i rpesidenti delle due province, i rappresentanti del mondo imprenditoriale e sociale per illustrare i contenuti del patto e gli assi sui quali sui muoverà per rilanciare l’economia molisana.
Una sorta di piano straordinario che mette a disposizione del Molise 727, 7 milioni di euro, di cui 378 milioni sono le risorse aggiuntive del Fondo per lo sviluppo e la coesione 2014-2020. «Di questa somma, abbiamo 69 milioni di euro da spendere entro il 31 dicembre 2017«, ha chiarito Frattura.
Alle parti sociali ed imprenditoriali della regione il governatore ha illustrato l’impostazione del patto ed i settori che beneficeranno degli interventi.
Per l’ambiente ed il territorio sono a disposizione 226,75 milioni per la messa in sicurezza del territorio, per il sistema idrico e fognario, per la qualità dell’aria. 76 milioni per lo sviluppo economico e produttivo, con progetti per l’università e la ricerca, l’area di crisi complessa, l’innovazione, la ricerca associata all’industrializzazione. Per il turismo e la cultura sono disponibili 108,9 milioni, per l’innovazione formativa 23 milioni, per le infrastrutture 293 milioni, con progetti per le infrastrutture sanitarie, il sistema ferroviario, i porti la viabilità ed il completamento di progetti comunitari. Cautamente positivo il giudizio dei sindacati. Per Franco Spina della Cgil sono state accolta alcune richieste del sindacato, come la destinazione di 15 milioni per le infrastrutture sanitarie. Per Tecla Boccardo della Uil il Patto rappresenta una opportunità soprattutto per creare nuova occupazione, perché la mancanza di lavoro è la vera emergenza del Molise. «Adotteremo i contenuti del Patto con una delibera di Giunta per portare il documento in Consiglio regionale. Il patto non è vincolante, dunque aperto ad eventuali modifiche», è l’annuncio di Frattura.
Ma intanto i consiglieri Iorio, Fusco, Sabusco a Cavaliere, definiscono il patto l’ennesima propaganda elettorale, un altro bluff. «Quei finanziamenti – hanno detto – non rappresentano nulla di nuovo, nonostante Frattura e Renzi tentino di farli passare per un atto di particolare attenzione del Governo centrale nei confronti del Molise. Sappiamo che sul tavolo ci sono 722 milioni, gran parte dei quali rappresentati dai fondi comunitari – hanno aggiunto i consiglieri regionali – Altri provengono da fondi stanziati dal precedente governo regionale.Quindi ci chiediamo se ci sono e a quanto ammontano le risorse aggiuntive, messe in campo per il rilancio del Molise», hanno concluso gli esponenti di centrodestra che ora attendono che Frattura riferisca in Consiglio regionale e faccia chiarezza. Una volta per tutte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Campobasso, Gravina: “Entro l’anno prossimo pronta la Tangenziale nord”

Quando l’opera sarà completata, l’annuncio del sindaco di Campobasso è per il …