Home Attualità Isernia. La campagna elettorale si infiamma, Cosmo Tedeschi non risparmia nessuno e presenta le sue liste

Isernia. La campagna elettorale si infiamma, Cosmo Tedeschi non risparmia nessuno e presenta le sue liste

ajaxmail2di LUCIA LOZZI
Tedeschi non ci sta, attacco duro, diretto quello di Tedeschi, candidato Sindaco al Comune di Isernia, in occasione della presentazione delle sue sei liste a sostegno. Tedeschi non risparmia nessuno e, apertamente e in modo diretto, abituati come siamo a sentirlo parlare in modo semplice al popolo, dopo un brevissimo saluto, ha detto e sottolineato alcuni punti che riportiamo così come espressi nel rispetto della libertà di parola. Partiamo dalla Sanità dove dichiara di aver partecipato. Un imponente manifestazione a Campobasso, dove migliaia di cittadini, come lui, hanno sfilato chiedendo al Presidente Frattura di non smantellare il sistema sanitario molisano. Tedeschi “i tagli non assicurano la tutela della salute e la qualità dei servizi. Non si può immaginare una sanità dove chi non ha i soldi non può curarsi, e’ inaccettabile, e tra l’altro incostituzionale perché c’è un articolo che tutela il diritto del cittadino e gli permette di essere curato quando è in situazioni economiche di difficoltà. La sanità e’ un diritto, integrazione tra pubblico e privato non sostituzione, così come diritti sono il lavoro e la partecipazione dei cittadini”.  Prosegue, deciso parlando di equita’ sociale e lotta alla povertà. “Vi assicuro, e vado nelle case delle famiglie, che la povertà da noi esiste, tutti ne parlano ma non sanno veramente cosa sia. Ho toccato con mano, come sono abituato a fare, quali sono le difficoltà economiche dei miei cittadini. Con il ministro che interverrà da noi mercoledì prossimo, voglio parlare appunto anche di questo. Questa è una sfida sui cui lavorerò con i miei e tutte le persone che vogliono aiutarci. I fondi sociali stanziati da Frattura per il sociale sono insufficienti e inesistenti. Dobbiamo mettere in campo tutte le nostre forze perché ci sono famiglie che non sono solo monoreddito ma addirittura senza reddito e vivono con pochi euro al mese. Questa non è civiltà. Dobbiamo aiutarli sia con fondi europei che regionali e comunali. Le responsabilità della Regione e degli ex amministratori e’ evidente. Piano sociale di zona e sostegno adeguato. Reddito minimo al di sopra della soglia di povertà”.  Continua poi parlando di Patto per Isernia, “ho sentito qualche giorno fa proclamare il patto per il Molise di 720 milioni. NOI SIAMO STANCHI DI ESSERE PRESI IN GIRO! Vedi l’utilizzo dei 100 milioni per le infrastrutture! Risorse zero! Pochi spiccioli e pensano che non ce ne accorgiamo. La metropolitana leggera? Vogliamo scherzare? Abbiamo problematiche più serie. Non si può gravare più sulla gente. Ad Isernia tolgono le risorse per fare la metropolitana leggera a Campobasso. Pensano forse che ad Isernia abbiamo l’anello al naso?”.  Vuole un patto per Isernia, in termini di servizi , presidi e misure di riequilibrio. “La Regione deve sottoscrivere certamente un patto ma, deve stanziare i fondi anche per Isernia, destinarli e farli arrivare ad Isernia in modo certo, chiaro, inequivocabile. Il capoluogo pentro ha perso tutto, ora deve riconquistarlo”.  ll suo attacco si fa più serrato quando parla della Camera di Commercio di Isernia e dell’Università. “A Campobasso c’è  il consiglio regionale, la giunta regionale e tutti gli enti, ad Isernia potevano almeno far rimanere la Camera di Commercio e l’Università. Voglio riportare ad Isernia uffici, istituzioni e servizi . Se questa è la politica in campo della nostra Regione, non ci sto, per la mia città combatterò. Così come per la cultura, Sandro Arco, che è a capo di Molise cultura, non ha organizzato un solo evento ad Isernia. Non siamo in grado di apprezzare la cultura forse?”.  Insomma secondo Tedeschi, siamo territorio di serie b.  Affondo diretto quando parla di Pierpaolo Nagni e lo fa  come se fosse a colloquio con lui e dice,  “Miracolanti dichiarazioni sui lavori pubblici, sei venuto ad Isernia ma ti devi confrontare con Cosmo Tedeschi. Sei lì grazie ai voti di Isernia,  Nagni vieni a parlare di Macerone e a promettere di darci i soldi, sono tre anni e mezzo. Dove stanno questi soldi?” Continua, poi, con Nagni e sottolinea sempre in discorso diretto con lui , “Ti ricordi di Isernia solo sotto campagna elettorale? Oggi? E quali miracoli vuoi fare? Vuoi risolvere i problemi in un mese quando hai avuto tanto tempo? Il territorio si tutela 365 giorni l’anno, non solo in campagna elettorale e per la Formichelli, candidata di Frattura.  Perché non viene Frattura a fare campagna elettorale ad Isernia. La verità è questa caro Pierpaolo Nagni, assessore della giunta regionale di Frattura, vieni ad Isernia a parlare della mia città e non mi spieghi come fai a dire che a Isernia non spetta il quorum con 5300 voti e sostieni che io ho votato la legge elettorale. Cosa non vera e fuori luogo perché  non ho avuto il tempo di votarla e mi sono opposto andando all’avvocatura dello stato e chiedendo di cambiare la legge elettorale per eliminare il listino ma, non era possibile non c’erano i tempi tecnici. Nagni lo ricorda, raccolsi 500 firme. Loro ci devono dire cosa vogliono fare con la legge elettorale ad Isernia .Sono passati tre anni e mezzo. Non è possibile avere 2 consiglieri regionali per Isernia e 19 per Campobasso . Nagni dice di avere i consiglieri ma con quali voti. I nostri. Chiederemo il referendum alla città di Isernia se non procederanno e, in caso negativo,  andremo con l’Abruzzo che ci darà i consiglieri che ci spettano”.  Insomma un Tedeschi agguerrito,  non si è risparmiato e continua,  “Rita Formichelli e tutti loro non fanno venire Frattura ad Isernia perché hanno paura di perdere voti. Voglio un confronto con loro e guardarli in faccia per vedere davvero come stanno le cose e cosa hanno da dire.  Rita Formichelli, la candidata a Sindaco di quella parte di centrosinistra che non riconosco, e’di certo una persona onesta, competente e professionale ma, la logica, e la gestione della cosa pubblica, di chi la sostiene non si sposa con l’idea che io ho della gestione della cosa pubblica”.  Ce ne è per tutti quando parla anche di scuola, la scuola dell’Ignazio Silone. “La scuola ha ricevuto un finanziamento di tre milioni e mezzo di euro, lavori a rilento e il Comune di Isernia mi dice che si deve accelerare. Oggi è ferma, sono anni, quella scuola potrebbe essere completata in dieci mesi”.  Per quanto riguarda le polemiche sollevate in campagna elettorale risponde, “Mi accusate di voto disgiunto, la legge lo permette, il cittadino può votare chi vuole l’importante è votare noi per il Sindaco perché il Sindaco va al ballottaggio non le liste. Noi vogliamo vincere perché siamo liberi da tutti e tutto, ci governa solo la forza di chiedere le risorse per la nostra città e i nostri cittadini. Noi rivogliamo ciò che ci hanno preso. Ci vuole coraggio a venire qui a parlare , sto aspettando che vengano Frattura, Nagni e tutti loro a parlare con me in campagna elettorale. Ci hanno tolto il Molise”. Conclude la presentazione riprendendo il discorso della legge elettorale con una promessa. Se danno alla città di Isernia la legge elettorale non farà nulla ma se ciò non avviene, ad Isernia partirà il referendum per andare con l’Abruzzo. Questo è Il Molise che esiste ma anche con Isernia. Tedeschi e’ chiaro. Il suo percorso e’ questo e lo rispetterà. “I problemi della mia città e della mia gente mi stanno a cuore e voglio dare tutto il mio contributo per risolverli. I cittadini di Isernia sono stanchi. Ora davvero meritano chiarezza  e debita considerazione”. L’imprenditore, sostenuto da sei liste, riscalda così la campagna elettorale di Isernia ponendo, in modo deciso e chiaro, paletti difficilmente sradicabili. Un Tedeschi che la città conosce come determinato e che sarebbe capace di arrivare anche ad altri e alti livelli pur di difendere la sua città. I toni si fanno alti e i tempi stringono, e lui ribadisce, “la gente di Isernia deve capire stavolta la cosa giusta da fare!”.

Potrebbe interessanti anche:

Pubblicato il secondo libro degli Analecta Ecclesiae Triventinae di Padre Ernesto Della Corte

Pubblicato il secondo libro degli Analecta Ecclesiae Triventinae di Padre Ernesto Della Co…