Home Attualità Giornata di “protesta e proposta” al conservatorio Perosi

Giornata di “protesta e proposta” al conservatorio Perosi

conservatorio perosi (2)Concerti, performance e attività musicali. La protesta nei conservatori italiani o istituti superiori musicali che dir si voglia è andata in scena a suon di note e strumenti. Questo per ricordare che la musica è una parte importante della vita quotidiana di tutti e che suonare uno strumento non è un hobby, ma passione, duro lavoro, sacrificio, esercitazioni di ore e ore, di giorni e giorni. Anche il conservatorio Perosi ha aderito alla manifestazione che ha unito tutti gli istituti musicali d’Italia, sotto lo slogan «giornata di protesta e proposta», perché sia chiaro il messaggio che si vuole far passare. «Vogliamo cercare di sbloccare l’immobilismo che ha colpito il Miur e le varie istituzioni. Vogliamo più attenzione» ha detto il direttore Lelio Di Tullio. Eppure i numeri che circondano l’universo della musica sono di tutti rispetto: sono 77 gli istituti di alta formazione, 54 conservatori statali e 19 non statali, 50mila studenti, di cui 10% sono stranieri, oltre 6000 diplomati all’anno, 7000 eventi- specie concenti- all’anno, 6000 docenti. Inconcepibile quindi che tutto questo mondo non riceva le giuste attenzioni. Quello che si chiede è la completa attuazione della riforma del sistema di alta formazione artistico musicale, attesa da 16 anni, un nuovo sistema di reclutamento, ordinamento di tutti i corsi di studio, statalizzazione degli istituti musicali, incremento di risorse. « Questa giornata serve per richiamare l’attenzione sui questi istituti, per dare risalto al valore delle competenze del personale e all’importanza di questi studi- ha fatto presente Giovanni Cannata, presidente del «Perosi»- . Studi che forniscono mezzi per affrontare un futuro lavorativo non solo nel campo della musica ma anche in altri settori, come l’insegnamento o il giornalismo. Siamo abituati a pensare ai conservatori solo come i luoghi che sfornano piccoli o grandi Beethoven, ma sono molto più di questo».

martma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Negativo il test eseguito sullo studente di ritorno in Molise da Milano con il treno

Nuovo caso sospetto di coronavirus in Molise. Uno studente di rientro da Milano in treno è…