sismadi ANNA MARIA DI MATTEO

Proseguono, a Campobasso, i sopralluoghi, da parte dei tecnici, nelle scuole di competenza comunale per verificare eventuali danni provocati dalla scossa di domenica e di quelle che, seppure di entità inferiore, si sono susseguite successivamente. La riapertura delle scuole è prevista per giovedì, cioè solo quando saranno completate le verifiche.
E proprio in relazione ai sopralluoghi in corso, i consiglieri comunali di Democrazia popolare Francesco Pilone e Marialaura Cancellario hanno chiesto al presidente del Consiglio Durante e al sindaco Battista che il Consiglio stesso sia informato dell’esito delle verifiche, con una relazione tecnica per ogni sopralluogo effettuato.
L’amministrazione comunale, dal canto suo, ha già individuato le cosiddette aree di raccolta, quelle in cui i cittadini possono recarsi in caso di emergenza. Si tratta di piazze e parcheggi, dislocati nei diversi punti della città, che sono stati liberati dalla neve e dunque disponibili per ogni evenienza.
Intanto il capo della Protezione civile nazionale, Fabrizio Curcio, al termine dell’incontro avuto con i nuovi direttori della Protezione civile di Toscana, Marche e Molise, ha sollecitato l’invio dei piani di intervento in caso di terremoto, previsti dalla direttiva 2014 e non ancora ricevuti.
«Da oltre un anno il Dipartimento della Protezione Civile attende che le Regioni provvedano ad inoltrarli, ma ad oggi ancora nulla», ha ricordato Curcio che ha anche posto l’accento sulla situazione in cui si trova il Molise in questi giorni, riferendosi allo sciame sismico . «Dico questo non per puntare il dito – ha specificato – ma solamente per sollecitare tutti noi a interessarci di rischio sismico e della sua prevenzione, quotidianamente. E’ necessario – ha concluso Curcio – riportare al centro delle nostre attenzioni la tutela dei territori e di conseguenza delle scelte consapevoli, come singoli e come comunità».

Potrebbe interessanti anche:

La Caritas di Trivento in soccorso ai terremotati della Turchia e Siria. Stanziati 5 mila euro e avviata la raccolta fondi

La Caritas di Trivento in soccorso ai terremotati della Turchia e Siria. Stanziati 5 mila …