34.9 C
Campobasso
domenica, Luglio 14, 2024

Prostitute cinesi in un’insospettabile abitazione di Isernia, arrestata la tenutaria della casa di appuntamenti

AttualitàProstitute cinesi in un'insospettabile abitazione di Isernia, arrestata la tenutaria della casa di appuntamenti

cineseUn giro di prostituzione scoperto e stroncato dalla procura di Isernia, grazie alle indagini della Squadra Mobile, partite dalle segnalazioni dei cittadini, o meglio dei coinquilini di Zhang Li, una cinese 40enne, che gestiva il traffico delle prestazioni sessuali di un numero impressionante di sue giovani connazionali all’interno di un appartamento in una insospettabile palazzina di quartiere San Lazzaro.
Il traffico era molto ben congegnato e funzionava come terminale isernino di un giro di prostituzione, o di un mercato della carne umana, che caratterizza le comunità cinesi di tutta l’Italia.
In sostanza, Zhang Li, agli arresti domiciliari per sfruttamento della prostituzione, su richiesta della procura di Isernia, gestiva dalla sua abitazione in quartiere San Lazzaro, attraverso gli annunci sui giornali e su internet, l’agenda delle prestazioni sessuali di giovani prostitute cinesi che ruotavano e cambiavano continuamente.
Un giro impressionante che ha visto gli uomini della squadra mobile impegnati in un’indagine abbastanza complicata. Infatti non è stato semplice tradurre le intercettazioni fatte sul telefono di Zhang Li, in quanto la Cina ha centinaia di dialetti, ognuno diverso dall’altro. La regista del giro messo in piedi a Isernia colloquiava con i suoi connazionali in ogni angolo d’Italia e le prostitute si alternavano, da una città all’altra.
Sempre le intercettazioni hanno permesso di stabilire che tra i clienti di Zhang Li non c’erano solo persone comuni e gente sconosciuta proveniente da fuori città, ma anche personaggi insospettabili, professionisti appartenenti a importanti e conosciute famiglie di Isernia, ma sui nomi c’è il riserbo più stretto, in quanto non può essere attribuito a loro carico alcun reato.
Mediamente Zhang Li organizzava tra i venti e i trenta appuntamenti al giorno per un giro d’affari quotidiano di qualche migliaio di euro. Importante, come ha sottolineato Albano, la risposta della città di Isernia, perchè grazie alle segnalazioni dei cittadini è stato possibile portare alla luce questo traffico di carne umana.

Ultime Notizie