IMG_1662Nonostante la diffida al Prefetto e nonostante un pubblico numeroso arrivato apposta in comune per seguire il consiglio alla fine la tanto attesa commissione referendaria non è stata nominata. La maggioranza guidata da Angelo Sbrocca ha respinto la delibera che aveva presentato l’opposizione per individuare subito i nomi e ha votato invece l’emendamento presentato da Antonio Giuditta e che prevede che entro 30 gorni venga emanato un avviso pubblico che permetta a più professionisti di poter partecipare alla selezione per far parte della commissione. Alla fine è successo quello che già avevano annunciato i due comitati PartecipaTErmoli e Termolidecide e il timore ora è che in assenza di tempi certi le cose vadano avanti per molto tempo e che i tre referendum per decidere sul tunnel, sull’ex cinema Adriatico e sullo spostamento del tracciato ferroviario non si facciano.
In aula ci sono stati molti interventi dei consiglieri, tra lo stesso pubblico più volte si sono alzate voci di protesta. I comitati avevano pronti già quattro nomi, tutti avvocati, ma l’opposizione era intenzionata a votare anche professionisti scelti dalla maggioranza pur di vedere costituita subito la commissione. Ma il centrosinistra è andato dritto sulla decisione inziale. Secondo Michele Marone però è stata commessa un’illegittimità e “l’eventuale modifica al regolamento del referendum andava fatta con una nuova proposta di delibera e non con un emendamento”. Il sindaco Angelo Sbrocca invece ha difeso la scelta dell’amministrazione: “Stiamo operando nel modo giusto, chi dice il contrario vuole solo strumentalizzare”.

Potrebbe interessanti anche:

Covid, scende la curva del contagio. Intanto Toma approva il decreto che prevede 50 milioni del Por

Non accadeva da settimane: numero di casi inferiore a 100 e tasso di positività che scende…