Campobasso: funerali di Ferdinando di Laura Frattura, padre dell'attuale governatore del Molisedi ANNA MARIA DI MATTEO

La vecchia guardia, i colleghi che con lui hanno condiviso anni di militanza nella politica. Quella con la P maiuscola. La nuova generazione, i giovani della politica molisana: alcuni hanno fatto strada, nonostante la giovane età. Altri ancora nelle retrovie, in attesa di fare il grande salto. Tutti insieme per dare l’ultimo saluto a Fernando di Laura Frattura, morto alla Cattolica all’età di 83 anni.
Il rito funebre è stato celebrato a Campobasso, nella chiesa di Sant’Antonio di Padova. In prima fila, accanto al feretro, il figlio, Paolo, attuale presidente della Regione, la sorella Giuliana e gli altri familiari stretti.
Padre Lino Iacobucci ha celebrato la messa, riservando parole di stima e di affetto per Fernando Frattura. Un uomo giusto, che ha dato tanto alla sua terra, ha detto nel corso dell’omelia.
Molti i volti noti della politica: il presidente del Consiglio regionale, Vincenzo Niro, gli assessori Petraroia e Facciolla, alcuni consiglieri regionali. Il senatore Roberto Ruta, l’europarlamentare Aldo Patriciello, Mario Pietracupa, presidente del Neuromed. C’erano anche i vertici molisani e romani della Cattolica. E c’erano rappresentanti del mondo imprenditoriale ed industriale della regione.
Al termine della funzione il feretro è stato portato in spalla fuori, sul sagrato della chiesa e poi deposto all’interno del carro funebre. E’ rimasto lì a lungo, in attesa che si compisse il rito delle condoglianze, all’interno della chiesa. In centinaia hanno voluto salutare personalmente i familiari di Fernando Frattura. Un abbraccio , una semplice stretta di mano, una parola di conforto. Poi, quando la chiesa si è svuotata, il presidente è uscito, insieme alla sua famiglia. Solo allora il piccolo corteo funebre è partito alla volta di Alfedena, paese natale di Fernando Frattura, dove la salma sarà tumulata.

Potrebbe interessanti anche:

“Caso Bari”, si squarcia la cappa di silenzio. Frattura e Di Pardo finiscono in cronaca nazionale

A squarciare una cappa di silenzio, durata oltre sette anni, c’ha pensato la stampa …