trivLa difesa del territorio parte dalla mobilitazione delle comunità che vogliono scendere in campo per contrastare i progetti di ricerca di idrocarburi e investire sullo sviluppo sostenibile dei luoghi. Un impegno ribadito a Termoli dove si è costituito il Comitato ‘Trivelle zero’, un gruppo espressione di varie realtà sensibili a queste tematiche e pronto ad organizzare diverse iniziative dopo i presidi promossi in occasione della festa di San Basso e di altri eventi che hanno accolto turisti e residenti.

”Sono stati concessi – ha spiegato Daniele De Lellis – dei permessi di ricerca di prospezione e di coltivazione di idrocarburi che riguardano tutta la costa adriatica dall’Emilia Romagna fino a Lecce; anche la terra ferma è sottoposta a un attacco altrettanto forte a danno delle attività locali, del turismo e dell’agricoltura che sono le ricchezze paesaggistiche.

Siamo qui oggi come molisani per cercare di costruire una opposizione organizzata e costruire un comitato molisano a trivelle zero per l’opposizione a questa politica’”. Nel corso dell’assemblea, organizzata allo spazio popolare autogestito, sono stati affrontati diversi temi in vista della manifestazione in programma alle Isole Tremiti il 27 agosto dove una catena umana circonderà a nuoto l’isolotto del Cretaccio.

”Chiediamo – ha aggiunto Daniele De Lellis – che i rappresentanti politici facciano di tutto affinché questa cosa non si faccia e che tutte le persone che abitano la costa adriatica, che vivono il Molise e questa terra amano le sue ricchezze paesaggistiche si informino e si uniscano per questa battaglia”.

Potrebbe interessanti anche:

Festa di solidarietà, la Piccola Underground Orchestra a Pesche

Festeggiare insieme la solidarietà e il reciproco arricchimento tra persone: è l’obiettivo…