foto

di Marcella Tamburello
La nascita di Bojano e gli antichi rituali sanniti. Il lungo cammino di un popolo alla ricerca di un nuovo territorio dove stabilirsi. È il Ver Sacrum, la primavera sacra di Bojano giunta alla sedicesima edizione ed organizzata come sempre dalla F.I.D.A.P.A., federazione arti donne e mestieri, della città.
Una riproposizione curata nei minimi dettagli da tutta l’associazione e alla quale hanno partecipano oltre trecento figuranti, non solo di Bojano ma anche dei paesi limitrofi.
“Da anni – ha commentato Maria Sala, segretaria della Fidapa – siamo alla ricerca della nostra storia ed il Ver Sacrum testimonia il nostro amore per la nostra terra”.
Alla sedicesima edizione della Primavera Sacra, narrata anche quest’anno da Edoardo Siravo, hanno partecipato anche i Gladiatori del gruppo storico delle Marche, il gruppo animatori del centro storico di Larino e i cavalieri di Bojano. In scena anche due bimbi di 4 e 7 mesi.
Una manifestazione che ha riscontrato, ancora una volta, un grande successo, e che ha emozionato il pubblico presente.
Tanta soddisfazione per la Fidapa che ha organizzato, con non poco sacrificio e fatica, la sedicesima edizione della primavera sacra di Bojano. “La stanchezza non ci fermerà – ha commentato Claudia Patricielli, presidente della Fidapa di Bojano, perché quello che facciamo è fatto con il cuore e la passione. Siamo fieri di essere italiani e di appartenere al popolo sannita” – ha concluso, tra gli appalusi del pubblico.

Potrebbe interessanti anche:

Covid, scende la curva del contagio. Intanto Toma approva il decreto che prevede 50 milioni del Por

Non accadeva da settimane: numero di casi inferiore a 100 e tasso di positività che scende…