battistaCon una nota durissima, il capogruppo UDC al Comune di Campobasso, Michele Ambrosio, denuncia la deriva tecnocratica dell’amministrazione Battista. Complice il periodo ferragostano, Sindaco e Giunta starebbero mettendo sotto tutela il Consiglio, esautorandolo di fatto dalle proprie prerogative. 

Il sindaco abdica e depone Consiglio comunale e Giunta.
Con il più classico dei provvedimenti di ferragosto, il primo cittadino e l’esecutivo comunale (anche se sarebbe meglio dire ex sindaco ed ex giunta sostituiti di fatto dal dirigente area Organizzazione, Indirizzo e Controllo) in perfetto stile Tafazzi e con evidenti profili di illegittimità, si auto commissariano e con loro cercano di mettere sotto tutela anche il Consiglio comunale.
Un vero e proprio “golpe” dettato anche dalla incompetenza politica e dalla incapacità di governo, con cui di fatto si destituisce e delegittima Consiglio comunale e Giunta municipale. Un vero e proprio attentato da parte del sindaco agli Organi istituzionali con l’introduzione della “censura” politica sulle deliberazioni, con cui si minano i pilastri fondamentali della rappresentanza popolare.
Non può essere letta altrimenti, se non con un colpo di sole collettivo, inventarsi il “super parere” in aggiunta a quelli di legge (amministrativo e contabile) che dovrà essere preventivamente espresso su tutte le proposte di delibere consiliari e dell’esecutivo in ordine alla coerenza con gli indirizzi programmatici e con gli obiettivi, prima di essere portate all’approvazione dei due consessi.
Un gravissimo atto di sfiducia quello posto in essere dal sindaco all’intero Consiglio comunale (che dovrà conseguentemente prenderne atto) unico Organo di indirizzo e di controllo politico-amministrativo oltre che di verifica della coerenza e dell’attuazione del programma di mandato, che non può essere sostituito da nessun tecnocrate, tata o funzioni da cerniera.
il capogruppo UDC
Consigliere Michele Ambrosio

Nota a margine

nel merito della proposta di riorganizzazione chiederò al presidente della Commissione con delega al personale di convocare con urgenza i gruppi consiliari e le rappresentanze sindacali per un confronto sul tema e per le modifiche da adottare, tra le quali il ripristino dell’autonomia del Corpo di Polizia Municipale inopinatamente trasferito dalla diretta sovrintendenza del sindaco a quella del dirigente area servizi generali.

Potrebbe interessanti anche:

Inclusione, iniziativa Associazione persone down e Dynamo Camp a Campobasso

L’inclusione rende il mondo più colorato e un mondo colorato è più bello. Un concett…