Nei due centri maggiori della provincia di Isernia, dove si andrà a votare per l’elezione dei nuovi sindaci, Pozzilli e Sesto Campano, situazioni completamente opposte.
A Sesto, sono ben tre i candidati: Luigi Paolone, Giuseppe Caranci e Giuliana Zampilli.
A Pozzilli, invece, c’è un unico candidato, è Stefania Passarelli, rimasta da sola dopo il ritiro di Francesco Di Zazzo.
Ad Acquaviva, ci sono cinque liste, di cui tre riconducibili a esponenti di forze dell’ordine che non hanno legami col paese e due di sostegno al sindaco uscente Lenio Petrocelli, che dunque ha la strada spianata per la riconferma.
Boom di liste anche a Roccasicura, ben sei, dove il sindaco uscente Fabio Milano dovrà vedersela però, sostanzialmente, con l’ex assessore provinciale Mario Lombardi.
Liste civetta anche nei due comuni commissariati, Chiauci e Sant’Angelo del Pesco, dove figurano, rispettivamente, cinque e sette liste. In realtà saranno solo due i candidati ufficiali a contendersi la poltrona di sindaco, Nunzia Nucci e Vincenzo Lombardozzi a Sant’Angelo e Carmine di Vincenzo e Alberto D’Andrea a Chiauci. A Poggio Sannita, chiamato al voto dopo la prematura scomparsa del sindaco Maria Antonietta Bottaro, deceduta in un incidente stradale, saranno due i candidati:
il vedovo del compianto sindaco, Giuseppe Orlando, e Nicola Di Filippo, responsabile della casa di riposo locale.
Corsa in solitaria, infine, a Montenero Valcocchiara. Considerando le due liste civetta, il 25enne Filippo Zuchegna, studente universitario, si prepara a diventare uno dei primi cittadini più giovani d’Italia.. Unico ostacolo, così come a Pozzilli, resta il quorum: è necessario che si rechino alle urne il 50 per cento più uno degli aventi diritto.

Potrebbe interessanti anche:

Covid, 10 positivi e un nuovo ricovero al Cardarelli. Ci sono anche 11 persone guarite

Dieci nuovi contagi ed un nuovo ricovero in Malattie infettive. Sono i dati dell’ultimo bo…