Arrestato un pregiudicato per maltrattamenti in famiglia e sequestro di persona. L’uomo, 32enne di Sesto Campano, dopo aver aggredito la compagna, la teneva segregata in casa impedendole di uscire per alcune ore. Poi l’intervento dei Carabinieri allertati dalla vittima e l’arresto in flagranza dell’uomo che ora si trova presso la Casa Circondariale di Isernia a disposizione della competente Autorità Giudiziaria. Inoltre nel corso di una perquisizione presso l’abitazione del 32enne venivano rinvenuti materiali ed oggetti provenienti da vari furti commessi di recente in provincia. La refurtiva, del valore di svariate migliaia di euro, è stata sottoposta a sequestro in attesa di essere inventariata e restituita ai legittimi proprietari. Tra la giornata di ieri e questa mattina, altre sei persone sono state denunciate all’Autorità Giudiziaria. Ad Isernia, i militari della locale Stazione, hanno denunciato un 55enne di Sant’Antimo, in provincia di Napoli, il quale dopo essersi introdotto nelle pertinenze di un’abitazione privata, si impossessava di una macchina agricola, che egli stesso aveva venduto tempo prima ad un 50enne Isernino, e allo scopo di reimmatricolarlo a suo nome, denunciava lo smarrimento della carta di circolazione benché regolarmente detenuta dall’acquirente. I reati per i quali è accusato sono quelli di violazione di domicilio e falsità ideologica commessa da privato. Sempre ad Isernia, i militari del Nucleo operativo e Radiomobile denunciavano un 60enne del luogo per porto illegale di un coltello a serramanico, di genere vietato, mentre a Cantalupo nel Sannio, i militari della locale Stazione, hanno denunciato un 50enne del posto per guida in stato di ebbrezza alcolica. Nei confronti di quest’ultimo, scattava anche il ritiro della patente di guida ed il sequestro del veicolo. Infine, con il fattivo apporto dei Carabinieri del Nucleo Ispettorato del lavoro, ad Isernia venivano denunciati i titolari di due imprese, si tratta di un 49enne e di un 30enne, entrambi del posto, per violazione alle norme contro gli infortuni sul lavoro e per sfruttamento di lavoratori a nero, mentre a Sesto Campano è stato denunciato il titolare di un’attività commerciale, 43enne di Presenzano, in provincia di Caserta, per aver istallato sul posto di lavoro un impianto di videosorveglianza totalmente abusivo.

Potrebbe interessanti anche:

Rievocazione storica ad Agnone: tornano le lavandaie dei lavatoi

Ad Agnone arriva una nuova rievocazione storica. Il Comitato di Quartiere “Agnone Ce…