Home Attualità Piscina chiusa a Isernia, le minoranze danno battaglia
Attualità - Evidenza - QD - 20 Aprile 2015

Piscina chiusa a Isernia, le minoranze danno battaglia

La piscina di Isernia continua a restare chiusa e, intanto, dopo le vibranti proteste delle famiglie dei ragazzi che fanno attività agonistica e che rischiano di perdere tutte le gare di fine stagione, arriva anche la reazione della politica che chiede di fare luce su ritardi ed omissioni.
In particolare il gruppo di minoranza a Palazzo San Francesco ha chiesto l’immediata convocazione del consiglio comunale con, all’ordine del giorno, proprio la scottante vicenda della piscina comunale che resta chiusa.
Per Gianni Fantozzi, consigliere di centrodestra, Brasiello si è accorto troppo tardi di aver commesso un irrimediabile errore, quando decise di prendere – come comune – la gestione diretta dell’impianto natatorio.
E poi, chiedono ancora le minoranze, com’è possibile che siano saltate tutte le mattonelle del fondale della piscina, quando il Comune chiese ai precedenti gestori di effettuare tutti i lavori di manutenzione prima di restituirla a palazzo San Francesco. Furono veramente effettuati quei lavori di ricondizionamento della struttura?
Insomma si prevede un consiglio comunale abbastanza vivace sia sul tema piscina, che sul tema bilancio.
Anche qui le minoranza, a dire il vero sostenute anche da parte dei dissidenti di centrosinistra, chiedono di condividere le scelte che saranno fatte dall’amministrazione Brasiello su tanti argomenti importanti che non possono essere lasciati all’esclusiva competenza della giunta, senza condivisione e partecipazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Bojano – Una quindicina di alunni positivi, il sindaco Ruscetta chiude l’istituto comprensivo

Il dato nuovo, decisamente allarmante, arriva da Bojano, dove nelle ultime ore sono risult…