Home Attualità Carceri molisane, situazione grave. L’allarme del Sappe
Attualità - Evidenza - QD - 14 Aprile 2015

Carceri molisane, situazione grave. L’allarme del Sappe

L’ incremento di poliziotti penitenziari per sanare le carenze degli organici dei Reparti operativi in Molise, lo stanziamento di fondi per favorire la formazione e l’aggiornamento professionale dei Baschi  Azzurri ed il lavoro dei detenuti in carcere nonché la garanzia che il carcere di Isernia resti a pieno titolo funzionante, viste talune incontrollate voci che lo vorrebbero chiuso a breve. Sono le richieste presentate, al Vice Presidente del Senato della Repubblica, Maurizio Gasparri, che ha  incontrato a Roma i rappresentanti  molisani  del Sappe.  nel corso di una visita della Segreteria Generale del sindacato con il parlamentare nel carcere di Regina Coeli.  Luigi Frangione, coordinatore regionale per il Molise  del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe, ha ricordato la situazione delle carceri molisane. “Oggi in Molise sono detenute 301 persone: 72 a Campobasso 41 a Isernia e 118 a Larino. Ed altre 131 scontano una pena sul territorio molisano, nel carcere invisibile delle misure alternative alla detenzione – ha dichiarato –  La situazione penitenziaria, in Molise, resta grave e questo determina per i poliziotti penitenziari pericolose condizioni di lavoro e un elevato indice di stress. Pensare che in alcune sede, come Larino e Isernia, sono state spese decine di migliaia di euro per installare telecamere di controllo che rendono superfluo la presenza dell’Agente, che invece continuano a stare lì. I numeri degli eventi critici accaduti nelle carceri molisane nell’anno 2014 lo dicono chiaramente. A Campobasso  – ha aggiunto – 4 detenuti hanno tentato il suicidio, salvati in tempo dai nostri eroici poliziotti, ed uno ha provato ad uccidersi anche a Isernia. Gli atti di autolesionismo, poi, con detenuti che si sono deturpati il proprio corpo sono stati 18 a Larino e 10 a Campobasso. Anche le aggressioni sono state molte, con 20 ferimenti a Larino e 4 a Campobasso, che ha pure contato 5 colluttazioni. L’incontro di oggi a Roma con il Vice Presidente del Senato della Repubblica Gasparri ci fa sperare che le cose possano cambiare, in meglio, per dare maggiore sicurezza alla Polizia Penitenziaria delle carceri del Molise e a  tutti i molisani”, ha concluso Frangione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Covid, i guariti superano i nuovi positivi. I contagi sono 60 su 655 tamponi. Ancora vittime

Per la prima volta, dall’inizio della pandemia, il numero dei guariti supera quello dei nu…