Consiglio comunale dimezzato a Isernia, si avvicina l’appuntamento con il governatore, in programma giovedì pomeriggio, alle cinque, e tutta l’attenzione, chiaramente è rivolta a quella scadenza, cruciale per il capoluogo pentro che vorrà conoscere da Paolo Frattura il destino del suo ospedale.
E non è un appuntamento facile per Brasiello che dovrà mantenere equilibri sempre più complicati all’interno dell’assise civica. Ma cominciamo dalle assenze che hanno un preciso significato politico. Oggi a palazzo san Francesco c’erano solo quindici consiglieri, mancava tutta la minoranza, ma anche parte della maggioranza. Si tratta dell’assessore Galasso e dei centristi, Sassi, Castiello, Di Baggio e Cutone. Com’è finito il malcontento dei dissidenti di sinistra.
È cominciato quello dei dissidenti di centro. Insomma per Brasiello non è iniziata una primavera facile, considerando anche che la minoranza gli aveva ripetutamente chiesto di rinviare il consiglio. Niente da fare il sindaco è andato avanti e il centrodestra ha disertato in blocco la seduta odierna.
Seduta che è servita a certificare de cose importanti: la fuoriuscita dal Polo scolastico di Sant’Agapito e l’arrivo a Palazzo San Francesco dalla Provincia dell’ingegnere Lino Mastronardi che andrà a dirigere l’ufficio tecnico del comune di Isernia, ma solo a part-time con via Berta.

Potrebbe interessanti anche:

Covid, monitoraggio settimanale: in Molise salgono incidenza dei casi e indice Rt

In Molise incidenza dei casi Covid  ancora in aumento. Si passa da 451 a 727 , in linea co…