Sullo scandalo della Sanità in Molise si è superato il limite del ridicolo e si è imboccata la strada dell’attentato alla salute dei cittadini.
Inutile commentare la solita, lagnosa, tediosa e irritante uscita della Fanelli, che loda ” il forte sostegno dato in Consiglio alla difesa della salute dei molisani”, mentre a Roma il suo Presidente di Regione non si sa bene in cosa si dilettasse invece di difendere il Molise in Conferenza Stato-Regioni.
Qualcosa, invece, va detta sulle affermazioni incredibili e inaudite fatte da Frattura una volta beccato con le mani nella marmellata.
In Consiglio Regionale ha affermato : E’ vero, al Tavolo Tecnico il Molise non c’era e alla seduta della Conferenza delle Regioni del 5 agosto 2014, quando è stato votato il regolamento attuativo del Decreto Balduzzi, colpevolmente non c’ero.
Ma prima di queste sedute ci sono state numerose riunioni per redigere il documento, e in quelle sono stato ben presente!.
In altre parole ha affermato che è vero, era assente quando si è votato il documento che distrugge la rete assistenziale regionale, ma è stato presente in tutte le altre occasioni in cui lo stesso documento è stato redatto e scritto, e sul quale, come purtroppo si è constatato, non ha mosso un dito nè ha proferito una sola parola in difesa del Molise.

Lascio a voi qualsiasi commento sui fatti e sul personaggio con il quale abbiamo a che fare.

 Sen. Ulisse di Giacomo

Potrebbe interessanti anche:

Trovato senza vita nel lago il corpo di Lucio Grasso, ex portiere del Riccia

Dopo 48 ore di ricerche è stato ritrovato senza vita il corpo di Lucio Grasso, il pescator…