L’ On. Danilo Leva insieme alla collega abruzzese On. Maria Amato ha presentato una interrogazione al Ministro della Salute per chiedere in che modo il Ministero vuole intervenire per salvaguardare i livelli essenziali di assistenza sanitaria e le prioritarie prestazioni di emergenza in un territorio disagiato come quello dell’alto Molise e dell’ alto vastese.
“Abbiamo raccolto e condiviso le preoccupazioni delle comunità locali circa il destino dell’Ospedale di Agnone e la sua la paventata riconversione. – afferma l’on. Leva – L’ interrogazione prende spunto dal decreto ministeriale in via di pubblicazione che prevede l’istituzione di specifici presidi ospedalieri in zone particolarmente disagiate, che distano cioè oltre 60 minuti dal più vicino presidio di pronto soccorso. È questo il caso dell’ Ospedale “San Francesco Caracciolo” di Agnone, infatti, i circa trenta comuni montani serviti, che si trovano a cavallo tra l’alto Molise, l’alto Vastese e l’alto – medio Trigno, sono collegati da una rete stradale assolutamente tortuosa, disagevole e impervia. Inoltre, i tempi di percorrenza diventato ancora più lunghi nei periodi invernali per la presenza costante di neve e ghiaccio.
Riteniamo, quindi, che l’ospedale di Agnone abbia tutte le caratteristiche per essere riconosciuto come Presidio Ospedaliero in zona particolarmente disagiata e in quanto tale dotato di un pronto soccorso h24 e di servizi medico ospedalieri dedicati all’emergenza-urgenza. Siamo fiduciosi che dal Ministero possano giungere delle indicazioni confortanti in tal senso al fine di poter garantire il diritto alla salute in aree interne che già tanto stanno pagando a causa dello spopolamento e della crisi economica.

Potrebbe interessanti anche:

Malore in auto, muore 91enne a San Martino

Una donna di 91 anni è deceduta nel pomeriggio di oggi a causa di un malore mentre era all…