Home Attualità Testa: a Isernia comandano i Bolscevichi
Attualità - Evidenza - QD - 28 Gennaio 2015

Testa: a Isernia comandano i Bolscevichi

Stefano Testa, consigliere di minoranza (Ncd) al comune di Isernia, prende carta e penna e difende le ragioni dei 10 dissidenti della maggioranza, sostenendo che la loro è una presa di posizione onesta e condivisibile. Testa sostiene che: “La presa di posizione di ben 10 consiglieri comunali della maggioranza, trasversali a quasi tutte le liste di appoggio al Sindaco Brasiello, evidenzia lo stato di malessere in cui versa questa eterogenea coalizione dove convivono anime politiche diverse e contrastanti per ideologie, per criteri operativi, per esperienze personali pregresse. E’ chiaro che questo rappresentava una miscela esplosiva che prima o poi doveva scoppiare evidenziando oltre alle inconciliabili posizioni politiche anche e, soprattutto, l’inerzia di questa Giunta Comunale che con protervia tende ad escludere i consiglieri dalla predisposizione dei programmi e, quindi, dalle scelte operative conseguenti.
Il Sindaco rappresenta plasticamente la negazione della politica: è troppo pieno di se, tende ad accumulare cariche, vuole apparire in Tv in tutte le vicende della nostra realtà prendendo impegni formali che non manterrà mai. Così è stato per l’ITTIERRE, così è stato per la DI RISIO, così è stato per la SS.17 (Strada del Macerone), così è stato per la “frana di via Occidentale”, così è stato per i commercianti che avevano portato le chiavi dei loro negozi all’amministrazione comunale, così è stato per l’Auditorium che continua ad essere gestito in maniera privatistica e personale. Per non parlare dello stato di abbandono in cui versa la città: macchine parcheggiate sui marciapiedi, in doppia fila, in corrispondenza di punti nevralgici dove l’incidente è in agguato in ogni momento. Vedi il tratto che va dalla trattoria “Patratern” alla trattoria “Le antiche Mura” dove a volte si resta bloccati a causa delle macchine parcheggiate malamente e su ambedue i lati, vedi l’incrocio tra via Giovanni XXIII e corso Risorgimento all’altezza dell’Auditorium dove le macchine parcheggiate restringono la carreggiata di corso Risorgimento, ecc. ecc.
Ecco perché avevo apprezzato il “documento dei 10” che, quasi in maniera pedissequa, ricalca tutte le questioni che il sottoscritto in Consiglio Comunale, sulla stampa ed in TV aveva sempre contestato a questa Giunta ed al Sindaco in particolare. Ma avevo anche pensato che il “documento dei 10” potesse avere un effetto positivo sull’intera Giunta perché, a tutti gli effetti, si tratta di un atto capace di smuovere le coscienze e dare nuovo impulso all’attività amministrativa che langue.
Così non è stato e il coraggio, la capacità di analisi e di sintesi dei consiglieri firmatari del documento oltre ad essere stato considerato un delitto di lesa maestà è stato brutalmente trattato con i metodi sovietici della Stasi.
Tutti i firmatari del documento sono stati attaccati personalmente con argomentazioni tendenti alla diffamazione, alla creazione di prove di complotti organizzati capaci di metterli in cattiva luce per arrivare a sancire che si tratta di mostri assetati di potere che aspirerebbero ad un poltrona di assessore e non di persone capaci di pensare ed elaborare proposte per la città.
E’ evidente che gli incalliti Bolscevichi non hanno dimenticato la lezione ed hanno attuato le strategie della Stasi che inventavano prove inesistenti per distruggere tutti coloro che a qualsiasi titolo avevano capacità di discernimento: insomma siamo tornati nel più trucido dei periodi sovietici quando ancora imperava la cortina di ferro e gli uomini erano considerati meno di niente.
Ma è mai possibile che a nessuno viene in mente che non è possibile coartare l’intelligenza e la capacità di ragionare di persone che vogliono contribuire al bene comune?
Il documento dei 10 esprime proprio questo perché analizza puntualmente l’attività del Sindaco e della Giunta evidenziando così quali sono state le carenze che hanno portato alla presa di posizione di cui trattasi. Si tratta di consiglieri con un forte background culturale che hanno vissuto questi due anni di consiliatura senza mai essere coinvolti e/o interpellati sulle scelte che il Sindaco o la Giunta di volta in volta andavano a prendere, quantunque a più riprese avevano evidenziato lo stato di malessere che stavano vivendo.
Mi chiedo, quindi, è colpa dei 10 o è colpa di chi non ha quella indispensabile sensibilità politica per capire che il direttore d’orchestra deve avere la capacità di far suonare tutti i musicisti senza che vi siano stonature di sorta?
Ecco questo è il vulnus dell’attuale situazione politica comunale dove i consiglieri di maggioranza vivono con ignavia questa esperienza amministrativa frustrandosi così la loro capacità di fornire idee, giudizi e soluzioni sulle singole materie affrontate dalla Giunta e dal Sindaco.
Il documento dei 10 apre così un dibattito di straordinaria importanza sulla gestione del nostro amato comune e, proprio da questo documento, dovrebbe scaturire, da parte del Sindaco e della Giunta, un diverso modo di intendere la politica del fare capace di coinvolgere l’intero consiglio comunale nell’interesse supremo della collettività amministrata”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Bojano – Una quindicina di alunni positivi, il sindaco Ruscetta chiude l’istituto comprensivo

Il dato nuovo, decisamente allarmante, arriva da Bojano, dove nelle ultime ore sono risult…