Home Attualità Isernia, la Fanelli dietro la crisi al comune
Attualità - Evidenza - QD - 23 Gennaio 2015

Isernia, la Fanelli dietro la crisi al comune

Cosa c’è, realmente, dietro una crisi inspiegabile e, per certi versi, totalmente inattesa?
È questo l’interrogativo che volteggia intorno a Palazzo San Francesco dove Luigi Brasiello, a circa due anni dalla sua elezione, dovrà provare a sciogliere nel più modo più veloce possibile un nodo intricato, frutto del malessere che cova in città e nella maggioranza, ma anche di obiettivi e fini meno ambiziosi e più terra, terra. Ovvero questione di poltrone. Dietro i paroloni, infarciti di retorica, del comunicato con cui i dieci dissidenti prendono le distanze dal sindaco, ci sarebbero strategie molto più concrete, ovvero la spartizione del potere. Chi busserebbe alla porta di Brasiello per un posto in giunta sarebbero i Renziani e Rialzati Molise, attualmente assenti dall’esecutivo.
Non per nulla la stessa Micaela Fanelli, segretario regionale del partito democratico, sarebbe indicata da fonti vicine all’amministrazione come la regista di una manovra da palazzo ante litteram che rischia di far arrivare a Isernia un nuovo commissario. In sostanza nel Pd e alla Regione comandano Renziani e Patricelliani che, anche a Isernia, vorrebbero la loro rappresentanza. Nulla di scandaloso, ma certamente nulla di particolarmente nobile. (edg)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Bojano – Una quindicina di alunni positivi, il sindaco Ruscetta chiude l’istituto comprensivo

Il dato nuovo, decisamente allarmante, arriva da Bojano, dove nelle ultime ore sono risult…