Home Attualità Edilizia popolare, Nagni soddisfatto per l’istituzione dell’Eres: “Costi contenuti e maggiori vantaggi”
Attualità - QD - Regione - 26 Novembre 2014

Edilizia popolare, Nagni soddisfatto per l’istituzione dell’Eres: “Costi contenuti e maggiori vantaggi”

L’assessore regionale ai Lavori pubblici,con delega all’Edilizia Residenziale Pubblica, Pierpaolo Nagni, esprime soddisfazione per l’approvazione a maggioranza della legge che istituisce l’Ente regionale per l’Edilizia sociale.

“Un grande passo in avanti è stato compiuto nel processo di snellimento delle istituzioni – ha commentato  Nagni –  l’ERES, il nuovo ente pubblico non economico, nato allo scopo di contenere i costi generali di funzionamento e di razionalizzazione dell’apparato preposto alla gestione delle funzioni di edilizia pubblica  si occuperà di gestire il patrimonio proveniente dagli IACP (che saranno invece disciolti con delibera di Giunta)  e sarà strutturato con un amministratore unico, che resterà in carica per una durata di tre anni, nominato dal Presidente della Giunta e un Collegio dei Revisori dei Conti, che resterà in carica per una durata di 5 anni, eletto dal Consiglio regionale.

Ieri, attraverso l’approvazione del Consiglio – ha continuato –  si è conclusa la prima parte di un percorso più ampio che vedrà presto il raggiungimento di altri due step: nel più breve tempo possibile sarà stabilito il regolamento del nuovo ente per passare, poi, all’istituzione delle agenzie sociali per la casa. Una questione prioritaria – ha sottolineato Nagni – alla quale tengo particolarmente. Esse rappresentano, infatti,  uno strumento fondamentale in grado di coniugare l’obiettivo di efficienza economica e finalità solidaristiche.

Siamo dunque in linea con quanto promesso nell’ambito del programma  elettorale.  Per quanto attiene all’edilizia residenziale pubblica, anche grazie al lavoro svolto dalla Prima Commissione Consiliare e dei relatori Francesco Totaro e Nunzia Lattanzio, abbiamo messo a punto  un sistema che garantirà maggiori vantaggi e costi minori. Ora  – ha concluso Nagni – non ci resta che procedere con il regolamento e le agenzie sociali per poter chiudere il cerchio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Concorso presidi: il mistero del file audio che contiene indiscrezioni sulla decisione che il Consiglio di Stato deve assumere

di Piacentino Salati Si allungano ombre sulla sentenza che il Consiglio di Stato sta per a…