Tra oggi e domani si deciderà il destino di Oti e dei 540 lavoratori Ittierre attualmente in Cassa integrazione ma desiderosi di andare subito in Mobilità per evitare le riduzioni previste dalla legge Fornero a far data dal gennaio 2015. Ma andiamo con ordine, partendo da Milano e dall’inchiesta della procura e della Guardia di finanza del capoluogo lombardo che ha fatto finire in galera Antonio Rosati. L’inchiesta della magistratura milanese avrà sicuramente pesanti riflessi anche in Molise, in quanto ha praticamente bloccato tutte le disponibilità economiche di Rosati, tra cui anche i fondi che dovevano servirgli per dare il via alla produzione a Pettoranello. In giornata si dovrebbe sapere come è finita l’assemblea dei soci Oti e chi sarà il nuovo amministratore delegato. In Molise, nel frattempo, tutto l’interesse dei lavoratori è rivolto alla Mobilità, da quattro a due anni di sussidio garantito, ma se si finisce nel 2015, si perde un anno. Per questo il tentativo posto in essere dai sindacati è quello di chiudere l’accordo sulla mobilità entro il 2014, cioè subito. E domani, a tal proposito, è prevista l’assemblea del personale e l’incontro con la commissaria Caruso. (edg)

Potrebbe interessanti anche:

Rievocazione storica ad Agnone: tornano le lavandaie dei lavatoi

Ad Agnone arriva una nuova rievocazione storica. Il Comitato di Quartiere “Agnone Ce…