Home Attualità Pagati in ritardo, clamorosa protesta dei profughi ospitati a Macchiagodena
Attualità - Evidenza - QD - Regione - 4 Ottobre 2014

Pagati in ritardo, clamorosa protesta dei profughi ospitati a Macchiagodena

Stavolta hanno alzato la voce i 26 migranti che dalla fine di giugno vivono in una ex residenza per anziani di Incoronata, frazione di Macchiagodena. Stando alle testimonianze raccolte, hanno fatto uscire parte del personale e si sono barricati all’interno della struttura, sbarrando il cancello d’ingresso con i tavoli e un grosso pneumatico. L’arrivo e la successiva mediazione della forze dell’ordine – Digos e Carabinieri – hanno permesso di far rientrare la protesta. All’origine del loro malcontento i ritardi nei pagamenti: ricevono 2,50 euro di diaria giornaliera, ma il denaro non è mai arrivato puntualmente. E dunque – dicono i migranti – non hanno la possibilità di fare la spesa. In realtà spesso i soldi vengono anticipati dalla stessa struttura, ma non sempre è possibile accontentare tutti o, perlomeno, accontentare tutti allo stesso modo. In ogni caso è stato assicurato loro che si farà tutto il possibile per accelerare le pratiche e fare in modo che nel giro di una settimana tutti i migranti abbiano la loro paga. Ma alcuni di loro protestano anche per un altro motivo: da diverso tempo chiedono di essere trasferiti, possibilmente a Milano, ma finora i loro appelli sono caduti nel vuoto. Non è la prima volta che i profughi ospitati in provincia di Isernia protestano: nei mesi scorsi episodi analoghi si sono verificati anche a Monteroduni, Roccaravindola e Agnone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Coronavirus, nuovo aumento di positivi: 56 casi dai 577 tamponi, 12 le persone guarite

Ancora una impennata di nuovi positivi in Molise. Dai 577 tamponi processati nelle ultime …