Home Attualità Nuovo motore Fiat, Cisl: stop alla cassa integrazione
Attualità - Evidenza - QD - Regione - 30 Agosto 2014

Nuovo motore Fiat, Cisl: stop alla cassa integrazione

di FABRIZIO OCCHIONERO
Da un nuovo motore potrà finire il ricorso alla cassa integrazione allo stabilimento Fiat di Termoli.
Ne è convinto il segretario nazionale della Fim Cisl, Ferdinando Uliano, che ha incontrato i dipendenti per parlare di piano industriale e del nuovo contratto.Diversi gli spunti di riflessione emersi nel corso dell’assemblea.
Lo stabilimento Fiat di Termoli che fornisce cambi e motori alle carrozzerie ora, stando alle previsioni, potrà contare anche su nuovi modelli della Chrysler grazie alla fusione con la casa automobilistica americana. Tra questi c’è, ad esempio, la mini jeep Renegade in produzione allo stabilimento di Melfi ma si guarda anche all’impianto di Cassino dove sono previsti altri modelli dell’Alfa Romeo.Tutto da definire nei dettagli.
Dopo la presentazione del nuovo piano industriale si spera negli investimenti previsti nei prossimi anni con i relativi riflessi occupazionali. Ma la visione «ottimistica» del futuro produttivo viene frenata dal ricorso alla cassa integrazione.
Nei prossimi mesi si saprà qualcosa in più e i sindacati auspicano segnali positivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Coronavirus, 6 nuovi positivi su 504 tamponi processati. Scendono i ricoveri e nessuno più in Terapia Intensiva, da registrare anche altri guariti

Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Molise, a fronte di un significativo aumento…